Giovedì, 11 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cantina sociale, Speranza contrattacca: “Altro che affare. Da Mascaro solo bugie”
LA DIATRIBA

Cantina sociale, Speranza contrattacca: “Altro che affare. Da Mascaro solo bugie”

di
L’ex primo cittadino risponde punto per punto al suo successore. Per la commissione d’accesso antimafia andava venduta a 3,6 milioni

Il Comune «non ha fatto un affare». È questo uno dei fatti «certi e incontestabili» che l’ex sindaco Gianni Speranza mette in fila ribattendo alle dichiarazioni del suo successore Paolo Mascaro. L’ex cantina sociale di Sambiase è stata comprata nel 2009 proprio dall’amministrazione Speranza «ad un prezzo conveniente» (650mila euro) ed è stata venduta «per scelta e volontà dell’attuale sindaco».
Speranza ricorda che l’immobile fu acquistato «proprio perché tutto il Consiglio comunale voleva impedire che diventasse un supermercato o un'attività commerciale», cosa che invece potrebbe accadere ora. «L'obiettivo - prosegue l’ex sindaco - era di lavorare per valorizzarla come sede stabile della fiera, come museo, come luogo di animazione culturale e sociale della comunità».
«Se i consiglieri comunali di allora avessero sentito le parole dell’attuale sindaco Mascaro e del consigliere comunale progettista del nuovo supermercato Gallo («ammasso di ferraglia» da eliminare) si sarebbero ribellati - osserva Speranza - e avrebbero mandato a casa il sindaco (tutti indistintamente: opposizione e maggioranza; specialmente quelli originari di Sambiase). Ma erano altri tempi». Oggi, invece, sono «pochi quelli che rompono il silenzio» e «si è voluto evitare un dibattito pubblico e trasparente su questo problema».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook