Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Provincia Catanzaro, lotte giudiziarie per difendere il risanamento
IL CASO

Provincia Catanzaro, lotte giudiziarie per difendere il risanamento

di
Nuovo fronte sui contratti “derivati”. Bnl si rivolge al Consiglio di Stato per avere le relazioni tecniche senza parti coperte dagli omissis

È una battaglia giudiziaria che si conferma lunga e combattuta colpo su colpo quella tra l’amministrazione provinciale e alcune delle società coinvolte nell’operazione di swap annullata da Palazzo di vetro nei mesi scorsi. Approda infatti al Consiglio di Stato la discussione sull’ordinanza con la quale il Tar, a maggio scorso, ha respinto la richiesta della Bnl spa di ottenere l’ostensione del parere fornito all’ente intermedio dallo studio legale Giovannelli, Masi Cecconi & associati e della relazione istruttoria della Finance Active Italia priva di omissis.
La prima decisione I giudici amministrativi della Prima sezione avevano chiarito che la richiesta non poteva essere accolta in quanto “il parere dello studio legale e la relazione istruttoria, nella parte non ostesa, involgono valutazioni sulla legittimità degli atti prodromici alla stipulazione dei contratti di swap, cosicché possono contenere valutazioni di carattere strategico-difensivo, avuto riguardo in particolare all’eventuale sussistenza di “rimedi giurisdizionali o sostanziali che consentano all’Ente locale di sciogliersi dai vincoli contrattuali...” e quindi non sono suscettibili di accesso».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook