Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, ritardi sul bando del primo lotto. E il Waterfront resta un miraggio
IL CASO

Lamezia, ritardi sul bando del primo lotto. E il Waterfront resta un miraggio

di
Si parla da anni del mega progetto del porto turistico, ma è ancora solo sulla carta. L’avviso pubblico era stato annunciato entro il mese di maggio e invece potrebbe arrivare dopo l’estate. I promotori restano ottimisti

Rispetto all’ultimo annuncio, che risale a fine marzo, i tempi sono già stati sforati. Esattamente tre mesi fa, nel corso di un incontro in municipio, era stato annunciato che entro maggio sarebbe stato pubblicato il bando per dare il via al primo lotto dei lavori del Waterfront. Invece oltre a maggio è trascorso anche giugno e dell’avviso pubblico ancora non si parla.
D’altronde, del mega progetto su cui dovrebbero confluire centinaia di milioni di euro di investimenti privati si parla da anni: il porto turistico nell’area industriale era già stato inserito nel 2014 tra le Linee Guida del Piano Regionale dei Trasporti. Alla fine del 2019 è stato firmato un protocollo d’intesa tra Regione, Comune, Provincia, Corap, Anas, Fondazione Terina e Lameziaeuropa (Spa a maggioranza pubblica che promuove il progetto).
Dagli uffici della società continua comunque a trapelare cauto ottimismo rispetto ai prossimi passaggi. I ritardi, a quanto pare, sarebbero dovuti alle interlocuzioni in corso tra i progettisti e i tecnici di Comune e Regione. Alcuni dipartimenti della Cittadella dovranno infatti valutare gli elaborati progettuali per rilasciare, o meno, le autorizzazioni necessarie.
Gli investitori privati dovranno poi procedere all’asseverazione del Piano economico finanziario previsto dal Codice dei contratti pubblici per la partecipazione a gare e bandi. Intanto Coipa international – società finanziaria di investimenti che, tra le altre cose, fornisce consulenza nel settore energetico, petrolifero e minerario – ha creato un’ulteriore Spa, Coipa Italia, di cui è amministratore delegato Vito Sciammarella (presidente del Cda di Coipa international), che già sul suo sito web ha pubblicato i rendering di 33 proprietà immobiliari, tra ville e hotel, che dovrebbero sorgere nell’area del “Waterfront & Royal Yacht Club” di Lamezia intitolato allo sceicco Mohamed Bin Abdulla Bin Hamad Al-Khalifa, della famiglia reale del Bahrain.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook