Giovedì, 02 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mare verde a Vibo? Colpa di un’alga flagellata. A “nutrirla” fanghi e scarichi illegali
IL CASO

Mare verde a Vibo? Colpa di un’alga flagellata. A “nutrirla” fanghi e scarichi illegali

di
La Stazione zoologica Dohrn analizza i campioni prelevati nelle acque di Curing

La grande massa di fanghi non trattati, gli scarichi illegali e le alte temperature del mare (6° di aumento): ecco fatto l’innesco che ha provocato nelle acque del Tirreno calabrese il proliferare abnorme di un’alga unicellulare flagellata «che forma conglomerati responsabili della colorazione verde delle acque costiere».
A questa conclusione è giunta la Stazione zoologica “Anton Dohrn” in seguito all’esame dei campioni prelevati nel mare di Curinga, zona a un tiro di schioppo dal litorale di Pizzo dove il fenomeno è stato più volte segnalato, soprattutto negli ultimi giorni. Al netto delle altre sostanze che in questi giorni hanno lordato e violentato il mare non dando tregua e respiro a turisti e operatori balneari, la presenza dell’alga non viene considerata nociva per la salute umana.
Ma tutto l’insieme è un po’ come il cane che si morde la coda perché se non ci fosse stato un apporto più che consistente di “nutrienti” in mare forse il fenomeno – considerato l’ aumento esponenziale delle temperature – sarebbe stato di minore entità. C’è da tenere presente, infatti, che ciò che per l’ecosistema marino viene considerato «cibo» altro non è che l’apporto di «sostanza organica, di fogna, concimi» e via discorrendo. Se questi fattori non ci fossero stati forse il processo avrebbe seguito un iter diverso.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook