Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, fondi alluvione: ben 16 anni dopo la parola chiave è “riprogrammare”
RISORSE

Vibo, fondi alluvione: ben 16 anni dopo la parola chiave è “riprogrammare”

di
Sotto la lente le risorse (7 mln) alle imprese che hanno subito danni nel 2006. Gli uffici della Regione rispondono all’interrogazione di Alecci (Pd). Entro fine anno si concluderanno i controlli per erogare i contributi

I fondi alluvionali continuano a rappresentare una chimera, infarcita di burocrazia, senza che imprese e cittadini, in attesa che le risorse vengano messe a disposizione di chi – quel tragico 3 luglio 2006 – ha subito i danni ingenti dell’alluvione che sotterrò letteralmente Vibo Marina e Bivona.
Ebbene, la parola-chiave resta riprogrammazione, anche per quei fondi che riguardano le somme a disposizione per interventi da individuare all’interno dell’apposito Piano, circa 681mila euro e, soprattutto, gli aiuti alle imprese turistiche della zona colpita dalla gravissima calamità atmosferica, per un totale di 7 milioni di euro. Fondi che rappresentano una parte delle risorse messe originariamente in campo. Interventi, tuttavia, mai avviati, tanto che la riprogrammazione era stata già prevista nel 2017. Successivamente, è stato approvato il Piano finalizzato al completamento di interventi necessari al superamento delle criticità che hanno determinato lo stato di emergenza nel capoluogo. Soggetto attuatore è divenuto, allora, il Comune, mentre la Protezione civile è rimasta struttura competente per il coordinamento delle iniziative da intraprendere.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook