Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vaiolo delle scimmie, Torti (Catanzaro): “Attenzione, ma no ad allarmismi”
L'INTERVISTA

Vaiolo delle scimmie, Torti (Catanzaro): “Attenzione, ma no ad allarmismi”

di
Pochi casi sospetti e nessuno confermato

«Attenzione massima, ma niente allarmismi». Sul vaiolo delle scimmie Carlo Torti ha il quadro più completo possibile. È professore ordinario di Malattie infettive e tropicali dell’Università Magna Graecia di Catanzaro e coordina la specifica task force istituita dalla Regione Calabria una settimana fa: «In Calabria ci sono meno di una decina di casi sospetti e zero casi confermati».
Cos’è un caso sospetto? Un paziente che presenta eruzioni cutanee acute (il 95% delle volte), soprattutto sugli organi genitali, ma anche mal di testa, febbre, stanchezza, dolori muscolari, aumento di volume dei linfonodi: «Il caso diventa probabile non quando ci sono spiegazioni alternative banali, ma quando è sospetto e ha link epidemiologici come l’esposizione ravvicinata, il contatto sessuale con una persona con lesioni cutanee, partner sessuali multipli o anonimi nei 21 giorni precedenti la comparsa dei sintomi perché il periodo di incubazione è appunto di tre settimane. Il caso diventa certo quando il tampone dimostra la presenza del virus».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook