Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I documenti «negati» sul porto di Tropea: Morra tira (di nuovo) in ballo il Prefetto
FOCUS

I documenti «negati» sul porto di Tropea: Morra tira (di nuovo) in ballo il Prefetto

di
I documenti «negati» sul porto di Tropea Morra tira (di nuovo) in ballo il Prefetto
Catanzaro, Cronaca
Il porto di Tropea

Continua a puntare i riflettori sul Vibonese il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra. Già nel mese scorso aveva invocato l’invio di una Commissione di accesso al Comune di Tropea «per accertare eventuali infiltrazioni mafiose nella vita dell’ente», ora tira nuovamente per la giacchetta il prefetto di Vibo, Roberta Lulli, richiamando l’attenzione sui lavori di riqualificazione del porto turistico.
«Lo studio di fattibilità tecnico-economica del progetto di riqualificazione del porto di Tropea – scrive Morra su Facebook – è stato redatto da un dipendente comunale che nei giorni scorsi è stato sospeso dal servizio nel Comune di Soriano (di recente sciolto per infiltrazioni mafiose) per la durata di sei mesi, così come voluto dal Ministro dell’Interno e comunicato alla Prefettura di Vibo Valentia il 20 luglio scorso». La domanda rivolta dal presidente dell’Antimafia è dunque retorica: «Se si opera per conto del Comune di Soriano si viene sospesi per sei mesi a seguito dello scioglimento degli organi elettivi dell’ente per infiltrazioni mafiose, mentre se in un recente passato la stessa persona, quale dipendente del Comune di Tropea, si è occupata della redazione del progetto di riqualificazione del Porto è invece tutto a posto?».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook