Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, le intercettazioni dei pusher rivelano legami sospetti con la politica locale
L'INCHIESTA

Lamezia, le intercettazioni dei pusher rivelano legami sospetti con la politica locale

di
Emergono nuove circostanze dalle informative dell’inchiesta sul giro di spaccio alla movida. Il presunto capo della gang di spacciatori cita un parlamentare in un colloquio: «Gliel’ho dato il voto». E poi aggiunge: «L’ho già acchiappato e sono andato a casa»

Il titolo del capitolo dell’informativa è «Intercettazioni rilevanti per indizi diversi da stupefacenti». Le prime righe sono eloquenti su ciò che segue: «Captazioni che consentono di aprire spaccati investigativi quali estorsioni e sospetti legami con il mondo della politica». Continuano a rivelare circostanze inedite o confermare ipotesi e sospetti le carte depositate agli atti dell’inchiesta della Dda di Catanzaro che, nei mesi scorsi, ha colpito una rete di presunti pusher accusati di aver rifornito di marijuana, hashish e cocaina la movida del centro, compresi diversi clienti della “Lamezia bene”.
Due informative redatte dal personale del Commissariato lametino e della Squadra Mobile di Catanzaro delineano un quadro abbastanza inquietante sui propositi del gruppo (secondo la Dda guidato dal 33enne Antonio Pagliuso, dietro il quale ci sarebbe la “regia” del 69enne Felice Cadorna, alias “zio Tonino”, solo indagato a piede libero) che avrebbe voluto approfittare di un «vuoto di potere» seguito alle operazioni contro il clan Iannazzo-Cannizzaro-Daponte per ricostruire una “famiglia” uscita sconfitta dalla faida e «crescere nell'ambito criminale» acquisendo «l'intera piazza di spaccio di Lamezia Terme».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook