Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L’agguato a Monsoreto di Dinami: padre e figlio legati dallo stesso destino
COINCIDENZE

L’agguato a Monsoreto di Dinami: padre e figlio legati dallo stesso destino

di
Pietro e Alessandro Morfei morti a distanza di 24 anni l’uno dall’altro per le ferite riportate
Catanzaro, Cronaca
Alessandro Morfei e i carabinieri all'ingresso di Monsoreto di Dinami

Il tempo riavvolge il nastro e a Monsoreto di Dinami drammaticamente si ritorna a ventiquattro anni fa. Nell’estate del 1998, infatti – precisamente nella notte tra il 16 e il 17 luglio – un agguato poneva fine alla giovane esistenza di Pietro Morfei, assassinato a 29 anni davanti a un bar della frazione. Un tragico destino riservato anche al figlio Alessandro gravemente ferito a colpi d’arma da fuoco sabato scorso proprio nel giorno del suo trentesimo compleanno. Quando il padre fu ucciso aveva soltanto sei anni.
Padre e figlio, quindi, vittime di diverse imboscate, entrambi assassinati quasi alla stessa età ed entrambi deceduti durante i soccorsi. Pietro Morfei durante il suo trasferimento all’ospedale di Polistena, il figlio Alessandro arrivato praticamente cadavere all’ospedale di Vibo Valentia.
A distanza di circa un quarto di secolo, dunque, l’estate a Monsoreto di Dinami si è di nuovo macchiata di sangue. A differenza del padre colpito in zone vitali (torace e testa) con sei colpi di pistola calibro 9, Alessandro Morfei è stato centrato (anch’egli in zone molto delicate) da colpi di fucile caricato a pallettoni. E se per l’imboscata tesa al padre entrò in azione un commando composto da tre persone giunte davanti al bar di Monsoreto a bordo di un’autovettura di piccola cilindrata, al momento non è stato ancora accertato se a sparare contro Alessandro Morfei sia stata una sola o più persone, fermo restando che non sia da escludere il coinvolgimento di terzi i quali, pur non sparando, avrebbero potuto accompagnare l’omicida nella zona di campagna dove il 30enne è stato gravemente ferito o avrebbero potuto aiutarlo nella fuga. Comunque sia la vittima è stato un facile bersaglio visto che al momento dell’agguato si trovava sul trattore a bordo del quale all’imbrunire stava rientrando a casa.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook