Lunedì, 05 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, violenza sessuale su una donna in stato di ebrezza: denunciato un giovane
INDAGINI

Lamezia, violenza sessuale su una donna in stato di ebrezza: denunciato un giovane

Il fatto sarebbe accaduto in una casa privata a inizio agosto. Sono state sentite persone eventualmente informate, sequestrati oggetti, indumenti e reperti utili a ricostruire la dinamica

I fatti sarebbero accaduti in una notte di agosto del 2022. L’accusa ai danni del giovane R.I., difeso dall’avvocato Sergio Vescio, denunciato a piede libero, è quella ex art. 609 bis c.p., per aver commesso violenza sessuale ai danni di una donna residente nel lametino, difesa dall’avvocato Giancarlo Nicotera, abusando delle sue condizioni di inferiorità fisica e psichica perché in evidente stato di ebrezza, inducendola a compiere un rapporto sessuale senza il suo consenso.

Nell’immediatezza sono scattate le indagini da parte degli inquirenti, che hanno applicato il “protocollo rosa” e che hanno provveduto a sentire persone eventualmente informate dei fatti, sequestrare oggetti, indumenti e reperti utili a ricostruire la dinamica degli eventi che stante la parte offesa si sarebbero svolti in una casa privata i primi di agosto di quest’anno. La pubblica accusa, nella persona della dott.ssa Marika Brucci, alla luce delle indagini compiute e dei possibili accadimenti, ha richiesto al Giudice per le indagini preliminari che si procedesse nelle forme dell’incidente probatorio ad assumere la testimonianza della parte offesa, nonché ad espletare perizia biologica per accertare la natura di liquidi trovati nell’abitazione teatro dell’asserita violenza, nonché di quello eventualmente presente sugli indumenti intimi, sulle lenzuola e sul materiale sequestrato. Nel contempo, qualora si trattasse di liquido seminale, la stessa Procura lametina ha chiesto di procedere all’estrazione del profilo del dna dei campioni biologici coinvolti.
Su tali reperti, è stata disposta la consulenza da parte di personale medico dei Ris dei Carabinieri di Messina. Ad esaminare quanto accaduto, gli atti irripetibili e le fonti di prova il Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Lamezia Terme Emma Sonni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook