Venerdì, 03 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, rincari delle materie prime e cinghiali: così muore il settore agricolo e zootecnico
PROTESTA

Vibo, rincari delle materie prime e cinghiali: così muore il settore agricolo e zootecnico

di
Il grido d’allarme lanciato dagli operatori del comparto nel corso della “Giornata dell’aratura”

Sono allo stremo centinaia di agricoltori del Vibonese, le cui aziende non riescono più a far fronte ai rincari energetici e all’aumento spropositato delle materie prime.
Il grido d’allarme è stato lanciato domenica a Maierato, dove molti imprenditori agricoli e zootecnici provenienti da tutto il circondario si sono riuniti per celebrare la “Giornata dell’aratura”, organizzata dall’associazione Contadini di Maierato. «Le nostre produzioni già da anni stanno facendo i conti con l’emergenza cinghiali, a causa della quale molte colture sono state decimate e molti allevamenti sono stati messi a repentaglio – hanno spiegato gli imprenditori –. Adesso la situazione è precipitata, per via dei costi spropositati dell’energia e di tutto ciò che serve alle nostre attività. I prezzi sono sostanzialmente triplicati, o anche quadruplicati: e ancora siamo solo agli albori della crisi che si prospetta. Quanto ci costerà coltivare e a che prezzo dovremo vendere i nostri prodotti per poter guadagnare?».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook