Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, negata l’estradizione per un curdo: “Nelle carceri turche rischio di violenza”
CORTE D'APPELLO

Catanzaro, negata l’estradizione per un curdo: “Nelle carceri turche rischio di violenza”

di
L’uomo era stato condannato in via definitiva per spaccio

«Non può escludersi il rischio di trattamenti inumani, degradanti e di violazione dei diritti», con questa motivazione la Corte d’Appello di Catanzaro Seconda sezione Penale (Presidente relatore Antonio Giglio, consiglieri Maria Rosaria De Girolamo e Barbara Saccà) ha rigettato la richiesta di estradizione, avanzata dal governo Turchia nei confronti del sig. T.M., cittadino turco di etnia curda. L'uomo di 45 anni era stato accusato dalle autorità turche di fabbricazione e commercio di 977 grammi di cannabis, con sentenza divenuta definitiva ad ottobre del 2021 era stato condannato a 8 anni e 4 mesi. La Repubblica Turca ha quindi chiesto all'Italia l'estradizione del 45enne. La Procura generale aveva depositato requisitoria scritta pronunciandosi favorevolmente per l'estradizione con sospensione della consegna fino alla data in cui il cittadino turco «abbia scontato in Italia la pena detentiva di 3 anni e 6 mesi e 20 giorni inflittagli per il delitto di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, con fine pena previsto per il 7 gennaio 2025».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook