Giovedì, 02 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, medici allo stremo e pronti alle dimissioni
SANITA'

Vibo, medici allo stremo e pronti alle dimissioni

di
Scoppia il Pronto soccorso dello Jazzolino: turni massacranti per i pochi sanitari rimasti in servizio

Medici e operatori sanitari allo stremo, pazienti e familiari esasperati. Non ci sono vie di mezzo al Pronto soccorso dell’ospedale Jazzolino dove neanche le urgenze si riescono più a garantire. Un solo medico per turno – ma anche la definizione di turno nella “repubblica indipendente” della sanità vibonese è elastica nel senso che l’orario è senza confini – non riesce a farlo, soprattutto quando ha venti pazienti da soccorrere e da “piazzare” in altri ospedali e una trentina in attesa.
Una situazione ormai drammatica che rischia di sfuggire di mano di cui è stato informato anche il Prefetto, anche perché al di là delle urgenze nella trincea dello Jazzolino è anche la sicurezza dei pazienti – quelli “parcheggiati” sulle barelle nei corridoi e nelle stanze – che non si riesce a garantire, a causa dell’abnorme mole di lavoro dovuta, da una parte, ai disservizi cronici di un ospedale in cui converge l’utenza dell’intera provincia; dall’altra a una medicina del territorio completamente assente. Basti pensare che alle 13,40 di ieri al Pronto soccorso erano in attesa 30 pazienti senza sapere fino a sera quanti altri sarebbero arrivati, mentre qualche notte fa l’ambulanza non poteva scendere un paziente proprio per mancanza di barelle.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook