Mercoledì, 08 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, truffa con i fondi per i rom: giudizio immediato per Caligiuri
LE INDAGINI

Catanzaro, truffa con i fondi per i rom: giudizio immediato per Caligiuri

di
L’inchiesta sui presunti illeciti dell’associazione Arte di Parte, accolta la richiesta della Procura
Catanzaro, Cronaca
Il Tribunale di Catanzaro

«Emerge con evidenza la prova la responsabilità dell’imputato». Non ci sarà bisogno dell’udienza preliminare per Maurizio Caligiuri il 53enne presidente dell’associazione Arte di Parte accusato di truffa aggravata e procurata inosservanza di pena. Il giudice Paola Ciriaco ha infatti accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dalla pm Stefania Caldarelli ritenendo che «gli elementi raccolti concretano un solido quadro indiziario, per cui non è ipotizzabile l’eventualità che il contraddittorio instaurato all’udienza preliminare possa portare ad una sentenza di proscioglimento». L’indagato, difeso dagli avvocati Piero Chiodo e Giovanni Gemelli, quindi dovrà comparire per la prima udienza fissata per il 19 dicembre. Per le altre 31 persone coinvolte nell’inchiesta condotta dai carabinieri si procederà separatamente e si attende ancora la chiusura delle indagini.

L’associazione guidata da Caligiuri è stata per quasi un ventennio attiva nei progetti di integrazione della comunità rom che risiede nella periferia sud del capoluogo. Almeno fino all’8 settembre scorso quando Caligiuri è stato posto agli arresti domiciliari. Spese mai sostenute o solo in parte, corsi fantasma e addirittura associazioni create ad hoc, così il 53enne sarebbe riuscito a truffare 130mila euro di fondi pubblici destinati alla scolarizzazione dei giovani rom che vivono a Catanzaro. L’attenzione dei carabinieri si è concentrata su un bando emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri “per la realizzazione di opportunità scolastiche, l'inclusione sociale di giovani della comunità rom catanzarese attraverso una rete operativa tra enti pubblici e organizzazioni del privato sociale del territorio”. I primi sospetti riguardano l’associazione temporanea con cui Caligiuri partecipò al bando.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook