Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Depurazione, quindici comuni del Vibonese sono sprovvisti di impianti
AMBIENTE

Depurazione, quindici comuni del Vibonese sono sprovvisti di impianti

di
Il dato è di dominio pubblico ma non si interviene con progetti realmente finanziati

Sul sistema depurativo provinciale si deve passare alle maniere forti dopo la dura presa di posizione del presidente della Provincia Salvatore Solano il quale ha delineato una situazione disastrosa che solo le Procure di Vibo Valentia e Lamezia Terme possono risolvere. Mentre i droni messi in campo dalla Regione sorvolano il territorio calabrese, per rilevare eventuali fonti di inquinamento, i fiumi Mesima e Angitola continuano a vomitare a mare tonnellate di liquami fognari che vengono scaricati nei loro alvei da decine di comuni montani e dell’entroterra vibonese che sono sprovvisti di impianti di depurazione.

A rendere la situazione più esplosiva non solo gli scarichi di aziende (per lo più agricole e zootecniche) ma anche impianti sottodimensionati (San Calogero) o non funzionanti (Zungri) che scaricano di tutto e di più nei fossi o addirittura nei canali di irrigazione. Di recente i Carabinieri forestali sono dovuti intervenire, pesantemente, nelle campagne di Briatico e Potenzoni dove i liquami confluivano nel bacino di irrigazione. Allarmante resta la situazione a Pizzo in località Colamaio e in molti altri centri della provincia, sia della costa sia dell’entroterra.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook