Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, pagamenti non dovuti al Sant’Anna "favoriti dal caos organizzativo dell’Asp"
CORTE DEI CONTI

Catanzaro, pagamenti non dovuti al Sant’Anna "favoriti dal caos organizzativo dell’Asp"

di
La sentenza ha stabilito un maxi risarcimento da 18 milioni di euro

Il «comportamento doloso» della clinica Sant’Anna sarebbe stato favorito dal caos organizzativo all’interno degli uffici dell’Asp di Catanzaro. Questo in sintesi quanto stabilito dai giudici della Corte dei Conti che hanno condannato la struttura sanitaria a versare un risarcimento del danno erariale di ben 17.648.248,04 euro in solido con la rappresentante pro tempore Rosanna Frontera. Condanne anche per i rappresentanti dell’Asp di Catanzaro. Michele Chiodo e Giuliana Natalina Colomba Gioffrè direttori delle unità affari generali e legali dell’Asp dovranno versare rispettivamente 2.089.992 di euro e 557.297 euro. Gli ex direttori generali e commissari Mario Catalano e Giuseppe Perri invece sono stati condannati a pagare 341.022 euro e 727.155 euro. Assolto invece Francesco Francavilla direttore dell’unità gestione risorse umane.

La clinica

Secondo i magistrati contabili «il comportamento posto in essere dalla clinica Villa Sant’Anna e dal suo amministratore nei confronti dell’Asp di Catanzaro è connotato da una dolosa violazione dei doveri di servizio e buona fede che discendevano dall’accreditamento della struttura al servizio sanitario regionale ed imponevano di non accollare al servizio sanitario oneri non dovuti». Dagli atti di causa per la Corte dei conti emerge chiaramente che, quando l’11 luglio 2014 Villa Sant’Anna e la Opera SPV sottoscrivono l’atto pubblico di cessione dei crediti asseritamente vantati dalla casa di cura nei confronti dell’Asp e dichiarati dal cedente «scaduti, certi, liquidi, validi esistenti ed esigibili», il cedente è «perfettamente consapevole del fatto che le cose stanno in maniera diametralmente opposta a quanto trascritto nella dichiarazione negoziale». I crediti non sarebbero stato né liquidi né esigibili.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook