Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vibo, turni a “rischio” al Pronto soccorso. Si paventa lo sciopero dei medici
SANITA'

Vibo, turni a “rischio” al Pronto soccorso. Si paventa lo sciopero dei medici

di
Dopo la proclamazione dello stato di agitazione l’Asp prova a tamponare l’emergenza. Ieri ennesima giornata di caos per cui si è reso necessario l’intervento dei carabinieri
Catanzaro, Cronaca
L'ingresso del pronto soccorso dell'ospedale di Vibo Valentia

È una calma apparente. Ma è la calma prima della tempesta. Al Pronto soccorso dello Jazzolino la situazione ha ormai raggiunto il limite. Ha superato la soglia di non ritorno. Pochi medici, con turni di lavoro difficili e carichi troppo pesanti. E ancora pazienti costretti a sostare per ore prima di essere visitati, o costretti a sostare per giorni prima di un vero e proprio ricovero in reparto. Insomma, il Pronto soccorso dello “Jazzolino”, da mesi ormai è al centro di una tempesta, per il quale si tenta, non senza difficoltà, di ricercare soluzioni idonee per farlo uscire dall’emergenza in cui si trova.
Ed i fatti di cronaca, legati a gesti di violenza ed esasperazione, non aiutano di certo la situazione. Mercoledì, le tre le sigle sindacali di categoria dei medici, la Fp Cgil, la Cisl Fp e la Uil Fpl, avevano lanciato quello che pareva un vero e proprio ultimatum alla dirigenza dell’Asp di vibonese: «Le scriventi organizzazioni sindacali – scrivevano – denunciano la grave situazione riguardante la carenze di personale medico operante al Pronto soccorso, in particolare in quello dell’ospedale di Vibo, dove sono rimasti otto medici, di cui due in malattia e uno con limitazioni. Il carico di lavoro a cui sono costretti a sopperire e l’intensità li espone al rischio di errore clinico, con conseguenti tensioni, e i malati a ovvi rischi per la loro salute. Nonostante l’iniziativa presa a garantire i turni, evidentemente questa misura non è sufficiente per cui bisogna e si rende necessario adottare altre misure urgenti e straordinarie in attesa di una risoluzione strutturale». Da qui la richiesta al commissario straordinario Giuseppe Giuliano, di «una urgentissima risoluzione alle problematiche», annunciando lo stato di agitazione.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook