Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Crotone, permessi di soggiorno falsificati. Chiuse le indagini per 62 persone
IKAROS 2

Crotone, permessi di soggiorno falsificati. Chiuse le indagini per 62 persone

di
L’operazione scattata nell’estate 2021 ha portato già a 9 condanne. Nel mirino degli inquirenti una “fabbrica” di documenti farlocchi

Le dichiarazioni di ospitalità, così come le certificazioni di attività lavorativa, i contratti di affitto e i certificati di residenza, sarebbero stati contraffatti per ingannare sia i funzionari degli uffici immigrazione delle Questure di Catanzaro e Forlì, sia i componenti della Commissione territoriale di Crotone, al punto da indurli a rilasciare agli immigrati permessi di soggiorno falsi. È il presunto sistema fraudolento scoperto dalla Procura di Crotone con l’inchiesta “Ikaros 2” che vede coinvolte 62 persone, tra cui un 40enne originario di Reggio Calabria ma residente a Crotone e altre 61 persone di nazionalità afghana, pachistana e irachena. Gli accusati, è scritto nell'avviso conclusione indagini firmato dal pm Alessandro Rho, devono rispondere di violazione delle norme sull'immigrazione per aver favorito la permanenza illegale degli stranieri in Italia e falso. L'attività investigativa ha preso le mosse dal troncone principale di “Ikaros”, venuto alla luce il 17 febbraio 2021 con l’esecuzione di 24 arresti da parte dei poliziotti della Squadra mobile di Crotone, che lo scorso 15 luglio ha portato a nove condanne inflitte dal Tribunale di Crotone.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook