Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, al “Pugliese-Ciaccio” non si può fare la Pet, decine di pazienti di attesa
L'APPELLO

Catanzaro, al “Pugliese-Ciaccio” non si può fare la Pet, decine di pazienti di attesa

Al Pugliese-Ciaccio al momento non è possibile sottoporsi all’esame PET, esame in grado di fornire immagini molto precise e dettagliate sulla funzione di organi o tessuti nei malati onco-ematologici, proprio per questo la PET è un valido aiuto per la diagnosi precoce soprattutto per alcune malattie gravi, dove risulta indispensabile il fattore tempo. Al Pugliese-Ciaccio lo strumento che prima veniva utilizzato era una pet mobile (a noleggio), disponibile tre volte a settimana per un totale di circa 30 esami pet a settimana. Oggi la medicina nucleare del Ciaccio non è più in grado di sottoporre i tanti malati all’esame Pet, poiché è in attesa del nulla osta provvisorio  (da parte dell’ASP di Catanzaro) per l’acquisto del farmaco impiegato per tale strumento diagnostico”.

È quanto afferma, in una nota, il Consigliere Comunale Antonello Talerico.

“Nel frattempo rimangono in attesa decine e decine di malati che per colpa dei ritardi della burocrazia e delle disfunzioni del sistema sanitario nonostante le loro gravi malattie vengono abbandonati al loro destino.

Difatti, anche al Policlinico di Germaneto la situazione non è delle migliori, per sottoporsi all’esame pet (con una macchina oramai obsoleta che spesso si guasta) oggi un malato deve attendere le liste di attesa che arrivano sino ad aprile 2023. A Reggio Calabria si deve attendere invece circa un mese e mezzo, analogo termine anche a Cosenza.
Ecco allora che ad un malato oncologico calabrese non resta che partire verso altre Regione (Campania, Sicilia, Emilia Romagna…), con tutti i disagi economici e di trasporto che ne derivano.
A questo deve aggiungersi comunque la carenza di personale sanitario per refertare tali delicati esami.

Questo quadro denota gravi ritardi nell’erogazione delle diverse prestazioni sanitarie ed evidenti responsabilità dell’intero sistema sanitario regionale, ma cosa assai importante evidenzia lo stato e la percezione di solitudine che ogni singolo malato ed ogni singola famiglia del malato subisce quotidianamente, nella totale indifferenza di chi potrebbe cambiare le cose o comunque potrebbe concorrere ad alleggerire la disperazione di chi deve combattere contro una grave malattia.

Rimaniamo in attesa della riattivazione del servizio pet presso l’Ospedale Pugliese-Ciaccio, nel frattempo, dopo la notizia della istituzione a Cosenza del Corso di Medicina, in questi giorni uno degli esperti e consulente di fiducia in materia sanitaria del Presidente Occhiuto, il Prof. Ettore Jorio, ha pubblicamente messo in evidenza alcune irregolarità che mettono in discussione la stessa “esistenza” giuridica dell’A.O.U. Mater Domini (vulnus immaginiamo già noto da anni agli addetti ai lavori) che potrebbe avere delle ricadute anche rispetto alla istituzione dell’Azienda Unica (avrò modo di parlarne in altra nota stampa)”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook