Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Torino Film Festival, la Calabria unica italiana in gara con "Regina" di Alessandro Grande
IL LUNGOMETRAGGIO

Torino Film Festival, la Calabria unica italiana in gara con "Regina" di Alessandro Grande

di

Calabria e Piemonte unite nel nome del regista Alessandro Grande. La nostra sarà l’unica regione italiana a vivere da protagonista la trentottesima edizione del Torino Film Festival e il merito è tutto di “Regina”, l’opera prima che lancia il regista calabrese nel lungometraggio. È l’unico film italiano in concorso tra i 12 della selezione ufficiale; tra i protagonisti Francesco Montanari e Ginevra Francesconi.

Il countdown per una settimana che riserverà grosse emozioni anche alla Calabria è già scattato. Si partirà venerdì 20, fino a sabato 28 e mercoledì 25 sarà il giorno delle aspettative made in Calabria per l’opera del regista Premio David di Donatello per il bellissimo corto “Bismillah”. D’altronde il set è da favola e racconta una Calabria di abbagliante bellezza. Le scene sono state girate in Sila, dove si respira l’aria più pulita d’Europa ed è lo stesso regista a spiegare: «I paesaggi della mia terra son parte integrante della storia e delle atmosfere del film. Ho voluto raccontare una Calabria diversa, lontana dagli stereotipi che la vedono spesso dipinta come luogo di malaffare e di criminalità».

L’ha fatto sfidando pure le inedite difficoltà del lockdown e quel che ne emerge è il racconto di una Calabria insolita e personale che si snoda attraverso una storia di cui sono protagonisti un padre e una figlia. Sullo sfondo un evento tragico che sconvolge proprio Regina, quindicenne che sogna di fare la cantante. Lei è la talentuosa Ginevra Francesconi, nel ruolo di padre c’è Francesco Montanari che indossa i panni di Luigi, un uomo che sa di essere tutto per sua figlia. Regina è orfana, ma non ha ancora chiuso i conti con l’imprevedibilità della vita e l’opera di Alessandro Grande finisce per legare indissolubilmente sensi di colpa e responsabilità. Il racconto d’altronde oscilla tra film di genere e romanzo di formazione tante che il regista svela: «La storia nasce da un bisogno forte e personale di raccontare il tema del confronto e dello scontro generazionale attraverso due figure, come quelle di Regina e Luigi, legati da un rapporto simbiotico destinato a cambiare dopo il verificarsi di un evento tragico. Giorno dopo giorno, Regina si troverà a compiere un viaggio nel profondo della propria coscienza parallelamente al percorso del padre, mirato alla ricerca di una sua maturità che possa farlo diventare uomo».

Il regista è calabrese, le scene sono state girate in Calabria e nel film, prodotto da Bianca srl e Rai Cinema, tutto parla di questa terra di bellezza e contraddizioni. Al contributo del MiBACT, in associazione con Asmara Films, si aggiunge quello della Regione e della Calabria Film Commission, o meglio, la “vecchia gestione” di Pino Citrigno, smantellata senza troppe cerimonie dopo il cambio di conduzione politica e che in pochi anni aveva risanato la Cfc e dato un fortissimo impulso alla Calabria come set di cinema d’autore (come i tanti premi, tra cui quello per “Bismillah” confermano). E un altro po’ di questa Calabria è anche nel film fuori concorso “Calibro 9” di Toni D’Angelo prodotto da Minerva pictures (Gianluca Curti ) e Rai Cinema sostenuto da Calabria Film Commission e girato a Catanzaro.Infine, fa parte del cast di “Quasi Natale” di Francesco Lagi l’attore catanzarese Francesco Colella, tra i protagonisti di Padre Nostro e Trust.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook