Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Crotone, l’area antica di Capocolonna sarà presto messa in sicurezza

Il promontorio Lacinio rischia di sprofondare in mare. Il 15 di marzo partiranno le ispezioni in mare

Non c’è più tempo da perdere: a Capocolonna bisogna intervenire con estrema urgenza. Il Ministero per i beni culturali ha deciso che la messa in sicurezza del sito archeologico del Capo Lacinio deve partire immediatamente, o il rischio di perdere un patrimonio di immenso valore sarà ogni giorno più elevato. È per questo che già il prossimo 15 marzo partiranno le ispezioni in mare preventive per effettuare gli interventi lungo la costa. Secondo quanto comunicato dallo stesso Mibac, oltre agli interventi già previsti nei pressi della Colonna e finanziati dalla Regione Calabria nell’ambito di lavori di messa in sicurezza del territorio a seguito dell’alluvione dello scorso 20 novembre, ora è necessario intervenire nella zona dell’abitato romano, quella ubicata alle spalle della chiesetta dedicata alla Madonna di Capocolonna.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

Caricamento commenti

Commenta la notizia