Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Notti prima del Fortissimo Festival: il Tchaikovsky di Catanzaro in trasferta a Tunisi
18/20 MAGGIO

Notti prima del Fortissimo Festival: il Tchaikovsky di Catanzaro in trasferta a Tunisi

Catanzaro, Cultura
Dirige il maestro Filippo Arlia

Dal 18 al 20 maggio il Conservatorio di Musica Tchaikovsky ritorna sull'altra sponda del Mediterraneo con Notti prima del Fortissimo Festival, con la preziosa collaborazione di IICTunisi Istituto Italiano di Cultura, il Conservatorio di Musica di Ben Arous e Association Les Solistes diretti da Achref Bettibi

Si svolgerà a Tunisi il prologo dell'edizione 2022, con la direzione artistica dei M° Filippo Arlia e Achref Bettibi. Un' assaggio musicale dedicato ai giovani talenti, in attesa della famosa manifestazione musicale, il "Fortissimo Festival" che quest'anno non si terrà come di consueto in Calabria ma avrà luogo nel mese di settembre presso l'anfiteatro romano di El Jem in Tunisia.

Una collaborazione attiva fra il conservatorio calabrese e quello tunisino che già nel 2021 dialogarono attraverso dei corsi di formazione indirizzati a giovani maestri d’orchestra, clarinettisti e saxofonisti, con un’operazione culturale che aprì le porte di un nuovo progetto d’integrazione sociale e musicale sul Mediterraneo.

Il "Prologo" ha l'ambizione di mette a confronto due culture musicali e di dare visibilità a tanti giovani cantanti e musicisti che si esibiranno nelle quattro serate dedicate alla contaminazione di generi musicali. Il cartellone spazia dalla musica classica a quella popolare, dal jazz e il tango di Astor Piazzolla, alla lirica con l’omaggio dei giovani cantanti tunisini ai cento anni di Renata Tebaldi.

Si parte il 18 maggio alle ore 18,00 presso la sala concerti ISM di Tunisi con "Momenti musicali" dove si esibiranno insieme gli studenti del Consevatorio Tchaikovsky di Catanzaro e quelli del Conservatorio di Musica di Ben Arous di Tunisi regalandoci della originali perfomance al pianoforte. Al piano: Daniele Di Maria, Maria Scalzo, Jovanny Pandolfo, Francesco Guida, Islem Ben Hamida, Ilef Hiba Matar, Mohamed Mimouni, Haroun Karoui. Dopo l’esibizione dei ragazzi, sempre il 18 maggio sarà la volta del gruppo da camera Asir Piano Trio con al piano Roberta Ficara, Nico Fuscaldo, Filippo Garruba e Giuseppe Laino al trombone.

Il 19 maggio alle ore 18,00 presso 4EME Teatro d'Arte andrà in scena "Mediterraneo in Armonia" Musica Popolare con L'Orchestra Les Solistes de Megrine diretti da Achref Bettibi con Alessandro Gaudio alla fisarmonica diatonica.  A seguire il Trio arabo con Malek Hamzaoui al kanoun, Youssef Badri al piano, Iskander Ben Amou alle percussioni.

Il 20 maggio sempre alle ore 18,00 al Teatro Municipale di Tunisi "Atmosfere di Opere di tango", si aprirà la serata con il concerto "Duettango" con Filippo Arlia al piano e Cesare Chiachiaretta al bandoneon.  A seguire i giovani cantanti del conservatorio tunisino si esibiranno in un omaggio ai cento anni di Renata Tebaldi, la cantante lirica più amata di tutti i tempi. Si esibiranno: Adriana Grekova, Ichraf Salem, Amra Loubiri, Wajih Bejaoui, Mohamed Ammine Bouhel, Ryma Turki, Ilef Hamdi, Ghenwa Krifa, Mahmoud Turki, Narimene Bouchalghuma; al pianoforte Roberto Ficarra Nico Fuscaldo, Filippo Garruba Per l’ultima serata,

Il 21 maggio alle ore 18,00 presso 4EME Teatro d'Arte andrà in scena il “Gran Galà Classico”, con dall’Orchestra Les Solistes De Megrine diretta da Achref Bettibi e Chada Abidi con Adriana Grkova mezzo soprano e al pianoforte Todor Petrov, Roberta Ficara, Nico Fuscaldo, Filippo Garruba, Farh Ben Youssef, Hiba Kraiem, Chaima Ajailia.

"Auguri di cuore ai tanti giovanissimi musicisti calabresi che con il loro debutto internazionale saranno protagonisti di questa meravigliosa trasferta tunisina", ha detto Filippo Arlia, direttore dell'Istituto Superiore di Studi Musicali "P.I.Tchaikovsky.

Il Conservatorio Tchaikovsky

Diretto dal Maestro Filippo Arlia  (il più giovane direttore di conservatorio d'Italia), è un prestigioso, giovane e dinamico istituto di musica facente parte dell'Alta Formazione Artistica e Musica italiana.  Grazie alla presenza di studenti provenienti da tutta Italia, grazie ai suoi insegnanti  -musicisti di fama nazionale e internazionale - e grazie all'attivazione di servizi  altamente innovativi, nell'ottica di una riscoperta della tradizione musicale italiana, propone programmi formativi di alta qualità.

La posizione geografica, nel cuore della Calabria e al centro del Mediterraneo, la bellezza del paesaggio, accanto a un ambiente stimolante e a misura di studente, creano quel quadro ideale che permette di ottimizzare il proprio percorso accademico ed essere preparati per le sfide del mondo professionale.

L’Offerta Formativa spazia dai Corsi Pre-Accademici ai Trienni di I Livello, dai Bienni di II Livello ai Master, dai corsi di studio Vecchio Ordinamento ai Corsi di Alto Perfezionamento. Il Conservatorio in questi ultimi anni ha organizzato, sempre con la direzione artistica di Filippo Arlia, eventi, incontri formativi e festival di alta qualità, tra cui:  La Stagione Sinfonia al Teatro Politeama di Catanzaro, Festival del Mediterraneo, Fortissimo Festival, Mediterraneo Radio Festival (organizzato in collaborazione con Radio3).

Importanti personalità del mondo dello spettacolo hanno collaborato con il Conservatorio tra cui: Michel Camilo, Ramin Bahrami, Giovanni Sollima, Danilo Rea, Tinturia, Eugenio Bennato,  Michele Placido, Alessandro Haber,  Mariella Nava, Silvia Mezzanotte, Mario Venuti e molti altri Diverse le collaborazione con grandi etichette discografiche tra cui: Sony Music, Warner Classics, Brilliant Classics...

Il Conservatorio inoltre ha da sempre cooperato attivamente con l'Orchestra Filarmonica della Calabria, portando avanti una vera e propria battaglia istituzionale per renderla stabile Il mio sogno personale senza dubbio è un’orchestra stabile per la mia regione, la Calabria, perché è l’unica regione italiana non avere Ico (istituzione concertistica orchestrale). Ed è l’unica regione a non avere un Teatro Stabile; questo purtroppo è un problema che affligge la nostra terra e che costringe spesso i giovani artisti ad emigrare»

Il Maestro Arlia crede fortemente in questa operazione culturale: “La nascita di un’orchestra filarmonica stabile e di un teatro per la Calabria rappresenterebbe la diffusione di una cultura innovativa e imprenditoriale che crea lavoro e investe sulle proprie maestranze, altamente specializzate nella cinematografia, nel design artistico, nella realizzazione di spettacoli sinfonici e di teatro musicale. Un’occasione per incentivare nuove piattaforme occupazionali attraverso la costituzione di un’orchestra stabile, composta da musicisti calabresi che tramandino l’opera lirica conosciuta e apprezzata in tutto il mondo”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook