Lunedì, 23 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA VERTENZA

Tirocinanti, 500 precari di Vibo in cerca di un futuro

di
lavoro, sindacati, vibo valentia, Angela Robbe, Catanzaro, Calabria, Economia
Il Palazzo del Governo di Catanzaro

Certificare le professionalità acquisite, così da poterle far valere anche in un futuro concorso: è questa la strada che proveranno a battere, unitariamente Cgil, Cisl e Uil a favore dei lavoratori tirocinanti. Ma la via è buia e ci si muove a tentoni. I pezzi da incastrare sono tanti.

Soprattutto quelli sul piano politico. E così che, per tempo, prima che scadano gli ultimi sei mesi di tirocinio formativo, dalle tre confederazioni è arrivata una prima richiesta di incontro al prefetto di Catanzaro, unitamente all'assessore regionale al Lavoro, Angela Robbe.

«Un incontro - scrivono sulla Gazzetta del Sud in edicola - finalizzato a discutere delle problematiche inerenti i lavoratori tirocinanti». Il mondo dei precari, si sa, è piuttosto variegato, e questo dei tirocinanti non è da meno. Per loro - circa 500 in tutto il Vibonese - lavoratori inseriti nel bacino dei percettori di mobilità in deroga - oggi utilizzati negli enti locali, nelle Asp, o negli enti ministeriali - la Regione ha deciso di finanziare, come forma di politica attiva, i tirocini formativi con l'obiettivo di contrastare la disoccupazione.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook