Domenica, 07 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Pecorino crotonese Dop tocca perdite del 60%, allevatori e caseifici scrivono all'assessore
CRISI ECONOMICA

Pecorino crotonese Dop tocca perdite del 60%, allevatori e caseifici scrivono all'assessore

di

Con l'avanzata del coronavirus le aziende casearie ricomprese nell'area Dop (Denominazione di origine protetta), hanno subìto un crollo delle vendite sia della ricotta fresca pari al 96 per cento, sia del formaggio Pecorino crotonese e del latte misto pecorino-vaccino del 60 per cento.  Uno stato di crisi che a stretto giro potrebbe portare a decisioni drastiche: da una parte la «sospensione del ritiro del latte fornito dagli allevatori», dall'altra il ricorso alla cassa integrazione per gli addetti del settore.

Per questo, gli allevatori e i titolari dei caseifici che fanno parte del “Consorzio di tutela Pecorino Crotonese Dop” hanno scritto all'assessore regionale all'Agricoltura, Gianluca Gallo, per chiedere misure specifiche a sostegno di un comparto che rischia di collassare. In Calabria sono 49 i comuni nei quali ogni anno vengono prodotte oltre 2mila tonnellate di Pecorino crotonese Dop. Di questi, 27 centri fanno parte della provincia pitagorica, 11 del Cosentino e altri 11 nel Catanzarese.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Catanzaro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook