Domenica, 26 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Aeroporto Lamezia, licenziati 12 lavoratori in servizio nel bar ristorante
LAVORO

Aeroporto Lamezia, licenziati 12 lavoratori in servizio nel bar ristorante

Con l’arrivo della pandemia e la chiusura agli esterni dell’aeroporto i lavoratori sono stati messi in cassa integrazione senza neanche sapere se e come sarebbero ritornati a indossare la divisa
aeroporto, bar ristorante, cisl, lamezia terme, lavoratori licenziati, Fortunato Lo Papa, Catanzaro, Economia
L'aeroporto di Lamezia Terme

«Quello che avevamo temuto si è verificato: i dodici lavoratori in servizio nel bar ristorante dell’aeroporto di Lamezia Terme sono stati licenziati». Il segretario generale calabrese Fisascat Cisl Fortunato Lo Papa si era opposto già a febbraio 2019 al fatto che i dipendenti che per oltre venti anni erano stati dietro il bancone dell’esercizio commerciale, il cui appalto era stato vinto dalla Gerico, venissero assunti tramite agenzia interinale E-Work. A marzo 2020 con l’arrivo della pandemia e la chiusura agli esterni dell’aeroporto i lavoratori sono stati messi in cassa integrazione senza neanche sapere se e come sarebbero ritornati a indossare la divisa. Ora la comunicazione di disdetta da parte della Gerico all’agenzia di somministrazione E- Work che consentirà loro di ottenere solo sei mesi di assegno di disponibilità e poi procederà al licenziamento.

La Cisl

«Non è possibile – afferma Lo Papa – rimanere inermi di fronte a quello che sta accadendo nello scalo aeroportuale. Ben vengano i 5 milioni di euro stanziati dalla Regione per i sub concessionari di attività interne allo scalo, ma non basta. Non servono soldi a pioggia, ma concertazione e una visione costruttiva. Una richiesta di incontro è stata già inviata al presidente della Sacal De Metrio e al presidente f.f. Spirlì al fine di convocare un tavolo tecnico ed istituzionale. Ma - incalza il cislino - bisogna pensare anche alla messa in moto di meccanismi economici e risorse che permettano di tamponare l’emorragia economica e ai titolari di non licenziare, ad esempio pensando a corsi di formazione, riqualificazione, aggiornamento. Suona strano che a due mesi dalle elezioni regionali dalle casse della Regione sia uscita una cifra così importante e che non si sia discusso, almeno da quanto si apprende dalla stampa, del futuro dei lavoratori legati alle subconcessioni e che non siano state coinvolte le sigle sindacali di categoria. Non possiamo permetterci altri spot elettorali - conclude Lo Papa - abbiamo bisogno di misure e contro misure concrete».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook