Domenica, 28 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Il grido di dolore degli esercenti di Lamezia: "Siamo delusi, stanchi, arrabbiati"
GRIDO DI DOLORE

Il grido di dolore degli esercenti di Lamezia: "Siamo delusi, stanchi, arrabbiati"

di
Saracinesche abbassate per via del nuovo lockdown
lamezia terme, protesta commercianti, Stefano Rocca, Catanzaro, Economia
Saracinesche dei negozi abbassate a Lamezia Terme

Si scrive regime di semi –lockdown, chiusura di molte attività commerciali e si legge: recessione economica. Le misure anti-Covid fortemente restrittive assunte dal governo nazionale per le festività pasquali proprio non vanno giù agli esercenti facenti parte dell’associazione Impresa Calabria. Misure a cui si è aggiunta la collocazione della Calabria nella zona rossa, ancora una volta e soprattutto, per la completa disorganizzazione del sistema sanitario e non unicamente per l’aumento dei contagi. A prendere le difese delle tante categorie merceologiche penalizzate dall’ennesima stretta anti-pandemica ai danni del comparto produttivo è Stefano Rocca, presidente dell’associazione Impresa Calabria. «L’inadeguatezza politica e dirigenziale fa sì che tutte le attività produttive, quasi la totalità dell’economia calabrese, siano costrette ad un nuovo lockdown. Non ce la facciamo più, non riusciamo più a far fronte a questo malgoverno». Questo il grido di dolore di Rocca e di tantissimi altri esercenti che in questi giorni hanno dovuto abbassare nuovamente le saracinesche dei loro negozi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook