Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Lamezia Terme, braccio di ferro sugli stagionali della Sacal
LAVORO

Lamezia Terme, braccio di ferro sugli stagionali della Sacal

di
Il nodo delle assunzioni a termine all’aeroporto passate da ottanta a quarantacinque
personale sacal, Andrea Falvo, Piervittorio Farabbi, Catanzaro, Economia
Aeroporto di Lamezia

Il day after dell’incontro tra sindacati e Sacal, che coincide con lo sciopero che ha causato la cancellazione di 5 voli Alitalia da e per Lamezia, è scandito dai malumori per le proposte avanzate dalla società che gestisce gli aeroporti calabresi. I punti critici, rimasti sul tavolo dopo l’accordo siglato solo da due delle quattro organizzazioni sindacali che hanno partecipato al vertice, restano quelli dei lavoratori stagionali e part-time. Le proposte dell’Ad di Sacal Gh Piervittorio Farabbi e del responsabile Risorse umane Andrea Falvo hanno trovato un’apertura condizionata da parte di Fit Cisl e Uil Trasporti, nettamente contrarie invece Filt Cgil e Ugl Ta. L’accordo prevedeva che su circa 80 lavoratori che ogni estate prestano servizio all’aeroporto lametino quest’anno ne venissero assunti 40 (20 operai e altri 20 impiegati) e con un part-time al 50% fino al 31 ottobre. Ieri in un nuovo incontro Cisl e Uil hanno “strappato” alla società altri 5 operai da assumere non al 50 ma al 75%. Ai dipendenti part-time viene poi proposto di passare full-time solo fino al 31 ottobre ma nessuno di loro ha accettato la proposta dell’azienda.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook