Lunedì, 06 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia San Nicola da Crissa, al via la prima comunità energetica rinnovabile e solidale della Calabria
L'INAUGURAZIONE

San Nicola da Crissa, al via la prima comunità energetica rinnovabile e solidale della Calabria

Il progetto promosso dall’Amministrazione comunale soddisfa l’intera domanda energetica delle 30 famiglie che vi hanno aderito
Catanzaro, Economia
Un panorama di San Nicola da Crissa

Il 16 gennaio si inaugura la prima Comunità energetica rinnovabile della Calabria, già operativa e allacciata alla rete. La Comunità è composta dal Comune di San Nicola da Crissa e da 30 famiglie, e si distingue per essere solidale perché soddisfa pienamente la domanda energetica delle famiglie in difficoltà economiche che vi aderiscono.

La CER, denominata “Critaro”, è la seconda Comunità energetica rinnovabile e solidale, dopo quella ormai famosa di Napoli Est e sorge a San Nicola da Crissa, un comune di 1.253 abitanti in provincia di Vibo Valentia, situato al centro della Calabria.

Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale hanno promosso e costituito la comunità il 19 gennaio dello scorso anno; successivamente, grazie a un mutuo concessole dalla BCC della Calabria Ulteriore, la Comunità Critaro ha commissionato a 3E environment energy economy il progetto della comunità, che l’ha sviluppata e realizzata “chiavi in mano” con un impianto fotovoltaico da 66,80 kW e un accumulo da 36 kWh, che ora è allacciato alla rete e pienamente operativo.

Il sistema alimenterà le utenze della scuola su cui è installato l’impianto fotovoltaico e condividerà la restante energia immessa in rete con i 30 membri della comunità, abitanti delle case popolari. La CER permetterà a ogni famiglia della Comunità di risparmiare 250 euro e 32 tonnellate di CO2 all’anno. A questo primo impianto seguirà l’installazione di impianti fotovoltaici su altri 5 edifici comunali; alla fine di questo processo la Comunità energetica avrà circa 85 membri, a fronte di impianti per una potenza complessiva di 180 kW.

Pertanto, si realizzano benefici ambientali, sociali ed economici per il territorio: un modello da replicare per i paesi delle zone interne e per gli altri comuni.

All’evento parteciperanno autorità politiche e istituzionali, i presidenti e alcuni dei maggiori esponenti di Legambiente nazionale e di Italia Solare.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook