Mercoledì, 13 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
CATANZARO

La preferenza di genere resta un tabù per la Calabria

di
legge preferenza genere, parità di genere, preferenza genere calabria, Flora Sculco, rita pisano, Catanzaro, Calabria, Politica
La sede del Consiglio regionale

Una proposta di legge approvata in commissione nel 2015 può non essere ancora passata all’esame del Consiglio regionale? Sì, se ci troviamo in Calabria e il tema è quella della parità di genere. Flora Sculco, l’unica donna eletta alle ultime Regionali, ha ormai ceduto il passo alla rassegnazione.

Nel giorno in cui a Reggio Calabria la politica celebra Rita Pisano, sindaca comunista per un ventennio in un paese dell’(ex) Presila rossa, paladina dei diritti delle donne, la mancata approvazione del testo (su questo versante è arrivato, sempre ieri, un invito a superare ogni ostacolo anche dall’ex presidente della Camera Laura Boldrini) per bilanciare le quote rosa in Consiglio suona come una beffa.

"Ogni volta - ragiona Sculco -, puntualmente, ai buoni propositi non seguono provvedimenti concreti". Nemmeno nelle due sedute d’Aula programmate a febbraio c’è traccia del provvedimento.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Catanzaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook