Venerdì, 23 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
MATER DOMINI

Scuole mediche chiuse a Catanzaro tra sospetti e veleni: "Sanità depotenziata"

di

«Sorge il sospetto che sia in atto il tentativo di depotenziare l'attività assistenziale delle regioni meridionali a favore delle grandi imprese private del Nord».

A insinuare un dubbio che, visti i tempi, non sembra affatto infondato è il professor Nicola Perrotti, presidente della scuola di Medicina e Chirurgia (quello che un tempo si chiamava preside di facoltà) dell'Università Magna Graecia, a proposito del mancato accreditamento di ben sei scuole di specializzazione dell'Ateneo.

Un vulnus che mette a repentaglio lo stesso futuro dell'Ateneo e della facoltà di Medicina, che alcuni vorrebbero trasferire a Cosenza. «In realtà non mi risulta che il decreto ministeriale di non accreditamento sia mai arrivato, ma è verosimile visti i problemi che sconta l'Ateneo, come la mancanza del pronto soccorso e l'inattuata fusione con l'azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio, che avrebbe consentito i maggiori volumi di attività richiesti per l'accreditamento delle scuole».

L'articolo completo nell'edizione odierna di Catanzaro della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook