Mercoledì, 28 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali in Calabria, il Pd di Crotone apre la campagna elettorale ma in molti disertano
L'INCONTRO

Regionali in Calabria, il Pd di Crotone apre la campagna elettorale ma in molti disertano

partito democratico, regionali calabria, Franco Iacucci, Mario Oliverio, Nicola Zingaretti, Catanzaro, Calabria, Politica
Franco Iacucci

Il commissario della federazione provinciale del Pd di Crotone Franco Iacucci ha ufficialmente aperto questo pomeriggio la campagna elettorale per le elezioni regionali del prossimo 26 gennaio presentando la candidatura dell’imprenditore Pippo Callipo.

Iacucci aveva chiamato a raccolta sindaci, amministratori e segretari di circolo del Pd della provincia di Crotone ma la risposta non è stata all’altezza delle aspettative. Hanno preso parte all’incontro, infatti, solo tre sindaci (Scandale, Rocca di Neto e Cotronei), e quattro segretari di circolo: quelli di Caccuri, Strongoli, Cutro e Scandale.

La conferma che nella provincia di Crotone il Partito democratico è spaccato fra ortodossi che hanno aderito alle indicazioni del segretario nazionale Nicola Zingaretti e contestatori, ben più numerosi, che invece appoggiano il presidente uscente Mario Oliverio, intenzionato a ricandidarsi a dispetto del veto opposto da Roma.

Motivo per il quale, peraltro, la scorsa settimana Zingaretti ha deciso di commissariare la federazione di Crotone inviando Iacucci al posto di Gino Murgi. «Questo commissariamento - ha detto in proposito il commissario Iacucci - doveva essere fatto prima e non si può essere tacciati di decisione stalinista. È solo una decisione democratica, perchè non si può essere dirigenti del partito e lavorare contro la linea che il segretario Zingaretti ha dato al Pd».

Per Iacucci, infatti, «la linea del Partito democratico è quella del rinnovamento e dell’apertura alla società civile. Io parlerò con tutti, non ho riserve verso alcuno, lavorerò per ricreare un clima unitario. Naturalmente chi si candiderà o lavorerà contro il Pd sarà automaticamente fuori dal partito».

«Con Oliverio questo partito, da quando era Pci fino ad oggi, è stato molto generoso negli anni. Zingaretti aveva chiesto ad Oliverio di essere a sua volta generoso con il partito e mettersi a disposizione per rinnovare. L’appello non è stato recepito. La linea del Pd è chiara e non ci sarà discussione su di essa. Ripeto, chi non è su questa linea è fuori dal Pd».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook