Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Emergenza Covid, il sindaco di Catanzaro chiude le aree della movida
ORDINANZA

Emergenza Covid, il sindaco di Catanzaro chiude le aree della movida

coronavirus, movida, Catanzaro, Calabria, Politica
Via XX Settembre a Catanzaro

Il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, ha emanato un’ordinanza anti-covid «contingibile e urgente» che dispone il divieto di stazionare nelle aree della «movida» della città: i Giardini di San Leonardo (Piazza Montegrappa), e Via Del Mare, Via Nicea, Via Amalfi, Piazza Pola e Piazza Dogana nel quartiere Lido. Il divieto sarà valido da domani, sabato 24 ottobre fino all’8 novembre, dalle ore 18 fino alle ore 24.

In una nota diffusa dall’Ufficio stampa del Comune di Catanzaro si spiega che «il provvedimento, condiviso anche dal Prefetto in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza, è stato adottato alla luce della crescita dei contagi registrata negli ultimi giorni e delle numerose segnalazioni sui comportamenti di chi non rispetta le disposizioni emanate al fine di contenere l’emergenza sanitaria».

Le aree individuate - si legge nell’ordinanza del sindaco Abramo - sono «luogo di ritrovo di tantissimi giovani che, dal pomeriggio inoltrato e fino all’alba del giorno successivo, stazionano senza rispettare alcuna delle precauzioni stabilite dalle norme per il contenimento dell’emergenza sanitaria e causando assembramenti. Nelle vie e piazze indicate sarà consentito il solo transito senza esitare e/o indugiare intrattenendosi con altri soggetti; l’attesa del proprio turno fuori dagli esercizi commerciali presenti nelle suddette zone per il tempo strettamente necessario all’asporto, fermo restando il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro e l’utilizzo delle mascherine. Non sarà consentito stazionare attendendo che i tavoli occupati per le consumazioni siano disponibili».

Il sindaco di Catanzaro, infine, ricorda che a violazione delle disposizioni dell’ordinanza «comporterà la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 a 1.000 euro».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook