Giovedì, 23 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali in Calabria, si allarga la rete dei sindaci: "Basta scelte calate dall'alto"
CALABRIA AL VOTO

Regionali in Calabria, si allarga la rete dei sindaci: "Basta scelte calate dall'alto"

Ventidue primi cittadini della provincia di Catanzaro raccolgono il testimone lanciato da dieci sindaci calabresi
calabria, catanzaro, elezioni regionali, sindaci, Catanzaro, Politica
La Cittadella regionale, sede della Regione Calabria

Prosegue spedito in Calabria il dibattito sulle elezioni regionali. Il voto è stato fissato per domenica 11 aprile e se la data verrà rispettata, in virtù della crisi pandemica, l'arco temporale che manca da qui alla data della competizione elettorale induce partiti, movimenti ed associazioni sul territorio ad iniziare a compiere i passi decisivi per eventuali alleanze e discese in campo

Dopo il primo appello di dieci sindaci calabresi sui temi delle prossime regionali, ripreso da altri primi cittadini del Vibonese, si allarga il fronte anche in provincia di Catanzaro. Ecco allora aggiungersi i sindaci di 22 comuni del Catanzarese: nell'ordine, Amaroni Argusto, Badolato, Borgia, Cardinale, Chiaravalle, Cortale, Cropani, Davoli, Isca sullo Ionio, Jacurso, Montauro, Olivadi, Palermiti, Pentone, San Pietro a Maida, Satriano, Soverato, Stalettì, Taverna, Torre di Ruggiero, Zagarise.

"Anche noi Sindaci della provincia di Catanzaro - scrivono in una nota -  condividiamo e facciamo nostro il documento lanciato dai colleghi della Provincia di Vibo Valentia (a seguito di un appello promosso da “10 Sindaci calabresi”), a cui stanno aderendo in queste ore numerosi Sindaci e Amministratori da un po’ tutte le province. L’attuale sterile dibattito alla vigilia delle elezioni regionali deve necessariamente riempirsi dei contenuti, che corrispondono alle problematiche che noi amministratori viviamo ogni giorno spesso in solitudine istituzionale. La rete tra Sindaci e Amministratori di tutta la Regione dev’essere il mezzo per questioni centrali come la programmazione europea, il Mes. Tutti fondi che, se programmati con lungimiranza, possono essere utilizzati come strumento pragmatico per il futuro".

"Non possiamo delegare ad altri - proseguono - la costruzione del futuro della Calabria, anche perché in queste ore apprendiamo che nel piano “Next generation Italia”, presentato al Governo, mancano investimenti cruciali per la nostra Regione. Messi quotidianamente a dura prova dalla pandemia, ci siamo trovati di fronte a nuovi scenari, carichi di difficoltà, ma anche di opportunità. E’ necessariamente giunto il momento della responsabilità e della pianificazione, a cominciare da noi amministratori locali. Siamo pronti al confronto e al dibattito, stanchi di assistere a giochi personalistici e a furbizie per soluzioni imposte dall’alto pensando di poter utilizzare la Calabria esclusivamente come “merce di scambio” e “terra di conquista”"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook