Martedì, 18 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Provincia Catanzaro, approvato il rendiconto di gestione esercizio finanziario 2020
LAVORI DEL CONSIGLIO

Provincia Catanzaro, approvato il rendiconto di gestione esercizio finanziario 2020

Il Consiglio provinciale di Catanzaro, presieduto dal presidente Sergio Abramo, alla presenza del vicepresidente Antonio Montuoro e dei consiglieri Giuseppe Pisano, Baldassarre Arena, Ezio Praticò, Fernando Sinopoli, Nicola Azzarito Cannella, Luigi Levato, ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno. A tenere banco è stato il punto relativo al rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2020, passato con 9 voti favorevoli e 3 contrari .

Così il presidente Abramo si è espresso in aula al riguardo: «Per spiegare bene quello che sta succedendo non c’è modo migliore, in questo caso, che partire dalla fine: stiamo evitando che la Provincia di Catanzaro si diriga verso il dissesto. Stiamo mettendo in atto delle azioni tali che possano evitarlo e, quindi, questa è sicuramente una “notizia positiva” anche se le virgolette sono d’obbligo. Adesso vado a spiegare come si è arrivati fin qui e cosa si sta facendo per uscirne. Nel mese di agosto 2020 è arrivato il nuovo dirigente Salvatore Saraceno. Questo ha portato alla luce una situazione finanziaria che necessitava essere approfondita, cosicché ho chiesto che si facesse immediatamente chiarezza in modo da avere una fotografia reale sulla quale ragionare. E’ così che, con il nuovo dirigente e con la collaborazione dell’Upi nazionale a cui abbiamo chiesto sostegno per comprendere bene tutto fino in fondo, abbiamo iniziato un percorso di ricerca della verità della situazione finanziaria, che oggi è codificata da un consuntivo che è già stato approvato da noi come schema e dal collegio dei revisori. Questa verità ci porta a dover utilizzare un mezzo straordinario che il Legislatore ha inserito per evitare il dissesto, cioè il piano di riequilibrio finanziario pluriennale. Non voglio assolutamente che l’Ente e il territorio della provincia di Catanzaro subiscano il trauma di un dissesto, ma vogliamo tentare tutte le azioni possibili, così come vuole il legislatore, per risanare le finanze della Provincia e riportarla in riequilibrio continuando l’azione che è stata fatta da quando si sono insediati i nuovi organi tecnici e da quando ho chiesto loro di farmi la fotografia reale della Provincia. Salvatore Saraceno, che conosceva i parametri della nuova contabilità molto più precisi e più rigorosi, ha compreso che gli stessi non erano stati applicati in questa Provincia come mi ha più volte comunicato. A seguito di un durissimo lavoro è venuta fuori una situazione finanziaria completamente distorta rispetto alla situazione degli anni precedenti, buona solo in apparenza. Questa realtà tecnicamente, è chiaro, che arriva da lontano. A un certo punto, con l’avanzare del lavoro di ricostruzione dei dati, l’Amministrazione Abramo ha intuito che la situazione era grave e lo sarebbe diventata in modo irrimediabile se non avessimo preso delle immediate contromisure. Sulla base di quanto emerso dai dati, insieme al nostro tecnico e, ripeto, con la collaborazione dell’Upi nazionale, l’Amministrazione ha fatto di tutto per trovare la soluzione affinché la situazione non si incancrenisse e arrivasse al dissesto, cioè a una situazione così negativa per il territorio che avrebbe creato per anni un blocco complessivo dei servizi, delle funzioni e delle azioni della Provincia. Con questa attività di ricostruzione, che credetemi è stata durissima, ma portata a termine grazie al lavoro solerte del dirigente Saraceno e del resto della squadra dirigenziale e al prezioso contributo del vicepresidente Antonio Montuoro e di tutto il Consiglio, maggioranza e opposizione, siamo riusciti a bloccare un dissesto che avrebbe paralizzato la Provincia chissà per quanti anni. Adesso è dovere di tutti noi guardare al futuro con ottimismo. I frequenti contatti con Upi e il mio rapporto con loro molto sinergico mi fa ben sperare e vivere questa fase come transitoria. Noi lo stiamo già facendo mettendo in campo azioni che guardano a riequilibrare la situazione, per quanto l’attività della nostra Amministrazione è sempre stata volta al risparmio».

Numerosi i consiglieri che hanno salutato l’aula, dal vicepresidente Antonio Montuoro che è approdato sui banchi del Consiglio regionale, ai consiglieri Giuseppe Pisano, Marziale Battaglia e Davide Zicchinella, tutti concordi sul fatto che “adesso è il momento di pensare in maniera sinergica al bene dell’Ente, senza badare al colore politico”.

Successivamente, il Consiglio, sentite le proposte e gli interventi e considerato il parere favorevole espresso in ordine alla regolarità tecnica e contabile espresso dal dirigente del settore ragioneria bilancio e programmazione e il parere favorevole espresso dall’Organo di revisione, ha deliberato di prendere atto della situazione di squilibrio strutturale dell’Ente e di ricorrere alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, prevista e disciplinata dall’art. 243-bis, del D.lgs. 267/2000. Il Consiglio si impegna, inoltre, entro il termine di 90 giorni dalla data di esecutività della medesima deliberazione ad approvare un piano di riequilibrio finanziario pluriennale della durata massima di 20 anni, compreso quello in corso, corredato dal parere dell’Organo di revisione e di dare atto che le procedure esecutive intraprese nei confronti dell’Amministrazione provinciale, successivamente all’adozione della deliberazione di ricorso al piano di riequilibrio sono sospese fino alla data di approvazione o diniego del piano.

Via libera allo schema di convenzione tra la Provincia di Catanzaro e la Provincia di Crotone per lo svolgimento degli esami per il conseguimento dei titoli professionali di autotrasportatore di merci per conto terzi e di autotrasporto di persone su strada e per il conseguimento dell’idoneità degli insegnanti di teoria e degli istruttori di guida di autoscuole.

Passa la richiesta del Comune di Squillace che, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 20/06/2021, ha disposto richiesta di declassificazione SP strada di collegamento SP Squillace- Stalettì - SS 181 (lato S. Chiara e rione S. Matteo).

Il sesto punto all’ordine dei giorno ha visto la ratifica della variazione di bilancio di previsione 2020-2022 esercizi finanziari 2021-2022, in via d’urgenza, approvato con DP n 265 del 20.10.2021, con la disposizione che vengano variati il bilancio di previsione 2020/2022 – esercizi finanziari 2021/2022 – e i relativi allegati, approvati con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 7 del 22.05.2020; e di dare atto che conseguentemente viene variato il DUP 2020-2022.

I lavori sono proseguiti con la discussione dei giudizi presenti all’ordine del giorno e il Consiglio si è concluso con la variazione di bilancio di previsione, con la presa in atto del verbale n. 58 del 22 novembre 2021, dove l’organo di revisione economico finanziario, riunito per esprimere il parere in merito alla variazione di bilancio contenuta nella proposta di deliberazione del Presidente dell’Ente , esaminata la proposta di variazione di bilancio 2020/2022, esercizi finanziari 2021 e 2022 in gestione provvisoria trasmessa dal responsabile del servizio finanziario, esprime parere favorevole verso la proposta di deliberazione inerente la variazione di bilancio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook