Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Catanzaro, il centrodestra ribolle di tensioni
ELEZIONI

Catanzaro, il centrodestra ribolle di tensioni

di
La coalizione ancora in mezzo al guado. Personalismi e veti incrociati rendono difficile la fumata bianca
Catanzaro, Politica
Palazzo De Nobili sede del Comune di Catanzaro

Sterilizzati i personalismi con una nota stampa che potrebbe aver praticamente “blindato” la coalizione, il centrodestra prova adesso a ragionare d’insieme. L’ascia di guerra sarebbe stata seppellita, al suo posto pare sia stato acceso il calumet della pace: via i veti incrociati, via i tentativi di fuga e i ragionamenti “fuori dal perimetro”, sul tavolo rimangono i nomi che vengono valutati uno per uno.

Ma innanzitutto c’è da registrare un certo avvicinamento tra Giuseppe Mangialavori, senatore e coordinatore regionale di Forza Italia, con Antonello Talerico, primo dei non eletti a Palazzo Campanella proprio nelle fila dei berlusconiani. Il loro rapporto, incrinato dai ricorsi di Talerico contro l’elezione dei consiglieri regionali Michele Comito e Valeria Fedele, pare si stia ricucendo: in settimana (forse già oggi) potrebbero arrivare novità di rilievo proprio sui ricorsi. Una circostanza potrebbe cambiare i rapporti di forza in seno alla coalizione stessa e quindi il buonsenso consiglia a tutti di appianare le divergenze ed evitare scontri sanguinosi.

L’obiettivo comune appare infatti essere quello dell’unità più ampia possibile sotto il segno della parola “discontinuità” che, portata da Domenico Tallini al tavolo della coalizione, ora è diventata praticamente il mantra del centrodestra.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook