Martedì, 05 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sanità, la denuncia di Guccione: “Fiumi di denaro sottratti ai calabresi”
LA RIFLESSIONE

Sanità, la denuncia di Guccione: “Fiumi di denaro sottratti ai calabresi”

Parla il responsabile democrat del comparto nel Mezzogiorno
sanità, Carlo Guccione, Catanzaro, Politica
Carlo Guccione

«Un fiume di denaro è stato sottratto alle cure dei calabresi ed è servito, invece, a pagare due o addirittura tre volte una stessa fattura. L'ho denunciato più volte in questi anni, sottolineando un sistema ormai consolidato che ha permesso la distrazione di importanti risorse sanitarie che ha finito per aggravare la già precaria situazione della sanità calabrese. In molti, però, si sono voltati dall’altra parte e hanno tentato di far cadere nel vuoto le mie accuse. Ma oggi un’ulteriore conferma alle mie denunce arriva dalla Corte dei conti e dal procuratore regionale, Maria Rachele Anita Aronica». Lo afferma, in una nota, Carlo Guccione, responsabile del Pd della Sanità nel Mezzogiorno.
«Gli importi pagati e non dovuti - continua Guccione citando la relazione del procuratore Aronica - per prestazioni già remunerate (quindi pagati due volte) e/o per prestazioni extra budget non riconoscibili, talora anche sovrastimate, nonché per interessi e indennità al personale non spettanti sono veramente notevoli e ammontano, per quanto sopra detto nella parte sull'attività (citazioni, inviti e sentenze sanità), complessivamente ad almeno 61/65 milioni di euro, pari a oltre due terzi del disavanzo sanitario - emerso dal Tavolo tecnico del 22 luglio 2021 - di oltre 91 milioni di euro per l’esercizio 2020».
Emerge, dunque, secondo Guccione, «un sistema ben collaudato e ancora in grado di sottrarre ulteriori risorse al sistema della sanità pubblica calabrese. Circa un anno fa, ad esempio, sollevai pubblicamente un’ulteriore vicenda a dimostrazione della totale mancanza di controllo e poca trasparenza all’interno dell’Asp di Cosenza. Sono emerse cessioni di credito e ingiunzioni di pagamento a società di factoring con sede a Milano che pretendevano dall’Asp milioni e milioni di euro. E non esiste nemmeno una fattura ad attestare questi presunti debiti. All’epoca - ricorda - chiesi all’allora commissario dell’Asp Cinzia Bettelini e al successore Vincenzo La Regina di verificare le carte delle società con sede a Milano. Effettuando un accesso agli atti e da una successiva verifica dell’Uoc Area Legale e dall’Uoc Risorse finanziarie dell’Asp di Cosenza emerse che «le fatture per le quali si richiede il pagamento non risultano mai pervenute e registrate sul sistema gestionale aziendale». Nonostante la richiesta di «intimazione di pagamento» per 12 milioni di euro da parte delle società PJT 2411 s.r.l. e Tocai SPV s.r.l. con sede a Milano, nessuna delle fatture «risulta essere presente negli archivi o registrata in contabilità"».

Secondo Guccione, «è necessario intervenire e, attraverso anche una forte volontà politica, smantellare questo sistema. Tutto ciò è anche il frutto del caos amministrativo e contabile che regna all’interno del sistema sanitario calabrese. Basti pensare che l’Asp di Reggio Calabria non ha ancora presentato i Bilanci dal 2013 al 2018, mentre l’Asp di Cosenza non ha presentato i Bilanci consuntivi 2018, 2019 e 2020. Inoltre, le Aziende del sistema sanitario calabrese per il 2020 chiudono i Bilanci in perdita. In questi dodici anni di commissariamento, i tanti e troppi commissari ad acta che si sono succeduti, non sono riusciti a dare una svolta di trasparenza e sistematicità ai conti delle Asp e Aziende ospedaliere della Calabria. Il «disordine organizzato» permane e la situazione, nel frattempo, continua a peggiorare, come se nulla fosse Roberto Occhiuto, da presidente di Regione e commissario della sanità, passi ora - dice Guccione - alle azioni concrete. Non è più tollerabile perdere ulteriore tempo, si deve voltare pagina, vanno prese tutte quelle misure necessarie a impedire che vengano sottratte ulteriori risorse destinate alla sanità calabrese che oggi registra il tasso più basso in Italia nell’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza (125)».

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook