Martedì, 06 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Lamezia, più tutele per le vittime di mafia: illustrata la proposta di legge
INOLTRATA

Lamezia, più tutele per le vittime di mafia: illustrata la proposta di legge

di
È stata depositata a Montecitorio dal deputato del M5S Pino d’Ippolito. Tra le richieste l’eliminazione della prescrizione e decadenza. Si punta anche ad allargare la platea dei titolari degli aventi diritto

Eugenio Bonaddio vorrebbe che questi giorni di maggio non arrivassero mai. «Sento ancora nelle orecchie il fischio dei colpi di kalashnikov che hanno ucciso i miei colleghi». Erano Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano, i due netturbini uccisi a Lamezia esattamente 31 anni fa. Mentre Bonaddio racconta quei terrificanti «dieci secondi» al suo fianco c’è Francesco Cristiano, fratello di una delle due vittime innocenti uccise dalle cosche per lanciare un agghiacciante segnale sul business della spazzatura. Lancia l’ennesimo appello a riaprire le indagini. Allo stesso tavolo c’è Martino, papà di Filippo Ceravolo, ucciso a 19 anni, nel Vibonese, perché aveva chiesto un passaggio al vero obiettivo dei killer dei clan delle Preserre. Questo padre coraggio sferza la politica: «Basta chiacchiere. Decida da che parte stare». Della sua zona è originario Rocco Mangiardi, che nel 2009 ha puntato il dito in Tribunale contro chi voleva estorcere il frutto del suo lavoro. Oggi ammette: «Quando parlo ai ragazzi cerco di infondere speranza. Ma c’è qualcosa che non dico: celo la solitudine del testimone di giustizia. Quello che si vede non è». Vicino a lui don Giacomo Panizza, costretto a combattere contro le intimidazioni, ma anche con la violenza del pregiudizio e dell’indifferenza verso le persone deboli di cui si prende cura.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook