Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Catanzaro, Donato: "Occhiuto non sta potenziando l'offerta formativa dell'Umg. Ecco perchè"
L'INTERVENTO

Catanzaro, Donato: "Occhiuto non sta potenziando l'offerta formativa dell'Umg. Ecco perchè"

Catanzaro, Politica
Valerio Donato

"Il Presidente della Regione - On. Occhiuto - ha ben argomentato la Sua decisione di aderire alla richiesta di istituire un corso di Medicina e Tecniche Digitali proposto da Unical. E ha fondato questa Sua decisione n virtù delle circostanze che la Calabria sarebbe che “ in rapporto degli abitanti ha meno sedi di facoltà di medicina”; la regione Calabria avrebbe “problemi straordinari in termini di assistenza sanitaria”. Tutto ciò d’altronde - ha detto il Presidente non si tradurrà in un mancato sostegno della Regione all’UMG, tanto che è già pronto un “poderoso programma di investimenti [..] e la Regione destinerà 50 milioni di fondi comunitari per potenziare l’offerta formativa “prevalentemente” dell’Università di Catanzaro, attraverso borse di studio agli specializzandi di medicina. Sono purtroppo costretto a manifestare con determinazione il mio dissenso nei confronti delle argomentazioni esposte dal Presidente e per le conclusioni conseguite". Lo ha affermato, in una nota, il consigliere comunale di Catanzaro, Valerio Donato.
"L’On. Occhiuto - ha proseguito Donato - sa che il Coruc ha deliberato il corso di Medicina e tecniche digitali “esattamente” eguale a quello già svolto insieme da UMG e Unical. Dunque è evidente che un tale corso non sarà in grado di ampliare l’offerta formativa rispetto al corso svolto insieme dalle due Università calabresi e che non potrà certamente sopperire alle drammatiche ed “urgenti” esigenze del sistema sanitario calabrese. Quanto meno perché per il raggiungimento del diploma di laurea e la professionalizzazione di questi nuovi giovani studenti sarà necessario attendere lamento un decennio. Né per vero per dimostrare il sostegno e la mancanza di “danni” ad UMG sembra sufficiente l’enunciazione di fondi destinati alle borse di studio per gli specializzandi di UMG. Non v’è dubbio che si tratta di una misura lodevole quanto necessaria. E tuttavia - quanto a finanziamenti del diritto allo studio - è oggettivo che UMG abbia ricevuto per almeno un decennio risorse finanziarie in misura pari a circa € 3.500.000 annui in meno a quanto spettanti, penalizzando fortemente gli studenti iscritti presso l’Università di Catanzaro. Ed ancora UMG ha la disponibilità di residenze studentesche pari al 25 % rispetto alle delle domande presentate da studenti economicamente fragili; mentre Unical ha la disponibilità di residente studentesche pari al 50% rispetto alle domande proposte. Sì che la disponibilità a sostenere finanziariamente gli studenti iscritti presso UMG è - si ribadisce - sicuramente meritoria, ma al contempo - e forse soltanto un parte - “riparatoria” di una politica del diritto allo studio decisamente penalizzante per gli studenti catanzaresi".
Secondo Donato "tutto ciò denunzia dunque una situazione ben lontana da quella descritta e capace di potenziare l’offerta formativa. È soltanto una conclusione “campanilistica” di istituzioni talvolta governate da un punto di vista territorialmente unilaterale, che forse accentua le rendite di posizione - queste so - eccessivamente salvaguardate. Non già un virtuoso sistema concorrenziale e competitivo, per il quale si richiederebbe condizioni di eguaglianza sostanziale. Ma soltanto la volontà politica - non già “soltanto” di alcune autorità accademiche - ma della politica che in questa vicenda è stata protagonista e non certo semplicemente spettatrice".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook