Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute Policlinico Catanzaro, confermati gli ottimi risultati per bypass aorto-coronarico e chirurgia valvolare isolati
SANITA'

Policlinico Catanzaro, confermati gli ottimi risultati per bypass aorto-coronarico e chirurgia valvolare isolati

Cardiochirurgia universitaria: presentati da Agenas i dati dell’edizione Pne 2022
Catanzaro, Salute
Pasquale Mastroroberto

Ieri, in diretta streaming sui canali social del Ministero della Salute, sono stati presentati i risultati dell'Edizione 2022 del Programma Nazionale Esiti (PNE) alla presenza del Ministro della Salute, Orazio Schillaci. I dati resi pubblici dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Age.Na.S.) prendono in esame, nell’ambito della Cardiochirurgia, i volumi dei ricoveri e gli indici di mortalità per due procedure quali il bypass aorto-coronarico isolato e il trattamento chirurgico delle patologie valvolari cardiache isolate e la Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini” di Catanzaro, diretta dal professor Pasquale Mastroroberto, si conferma per risultati di ottimo livello e nella media nazionale.

“Sono dati con ulteriori miglioramenti rispetto alle ultime edizioni PNE da noi presentati il 25 novembre nel report sui 10 anni di attività assistenziale integrata con didattica e ricerca - afferma Mastroroberto - con un eccellente risultato in termini di volumi e con processi/esiti assolutamente nella media nazionale. Altro elemento di grande importanza introdotto quest’anno da AGENAS è stata la valutazione combinata, nell’ambito del bypass aortocoronarico, tra volumi (almeno 200 interventi/anno secondo il DM 70/2015) e mortalità a 30 giorni (inferiore al 3%), valutazione che ha permesso alla Cardiochirurgia dell’A.O.U. “Mater Domini”di essere inserita tra le 15 strutture sopra soglia su 101 cardiochirurgie italiane pubbliche e private accreditate. Nel 2021 il numero di interventi di bypass aortocoronarico isolato è stato pari a 208 rispetto ai 140 del 2020 mentre per la chirurgia valvolare isolata il numero dei ricoveri è stato di 258 nel 2021 rispetto ai 155 del 2020 con mortalità a 30 giorni in entrambi i casi al di sotto (vedi bypass aortocoronarico) o nella media nazionale (vedi chirurgia valvolare).”

“Ultima annotazione – continua Mastroroberto – su cui è necessaria una profonda riflessione, è legata ai “flussi regionali”: su 442 residenti in Calabria che hanno necessitato nel 2021 di intervento di bypass aortocoronarico, 324 (73.3%) hanno scelto di farsi operare in regione e di questi 206 (46.6%) nella Cardiochirurgia Universitaria mentre, per la chirurgia valvolare, su 981 residenti, 453 (46.2%) si sono rivolti a strutture regionali e di questi 255 (26%) alla A.O.U. “Mater Domini”. Questi ultimi dati ci indicano come il lavoro da fare per ridurre la mobilità sanitaria passiva è ancora lungo anche se, a mio avviso, siamo sulla buona strada.”

“Questi risultati - conclude Mastroroberto - certificati da Agenas e ottenuti con notevoli sacrifici da parte di tutto il personale medico, infermieristico e tecnico, hanno contribuito ad un costante incremento dei volumiper cuiper la fine di quest’anno sarà raggiunta e superata la soglia dei 450 interventi.”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook