Venerdì, 04 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società «Natuzza mi disse che ce l'avrei fatta», la testimonianza dopo 35 anni
LA STORIA

«Natuzza mi disse che ce l'avrei fatta», la testimonianza dopo 35 anni

di

Sono tante le guarigioni, attribuite all'intercessione di Natuzza Evolo, morta in odore di santità il primo novembre del 2009. Una di queste, avvenuta nell'aprile del 1985 e che viene resa pubblica solo ora, ha avuto per protagonista una insegnante, all'epoca giovanissima, che dopo avere preso un farmaco venne ricoverata in ospedale per una improvvisa febbre altissima e per alcune macchie presenti su tutto il corpo. Alla donna all'inizio venne diagnosticato un “morbillone”, curabile anche a casa. Ma nello spazio di poche ore la situazione cambiò completamente.

Le macchie si trasformarono in bolle: sotto i piedi, negli occhi, nella gola e nella bocca dalla quale ad un certo punto incominciò anche a fuoriuscire una sostanza bianca senza tregua.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola, edizione della Calabria

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook