Sabato, 21 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
SERIE C

Catanzaro: il derby speciale di Bianchimano, Fischnaller, Maita e gli altri

di
catanzaro calcio, catanzaro-reggina, derby Catanzaro, Catanzaro, Calabria, Sport
Il capitano Maita

Incroci. Sul lato giallorosso del derby ce ne sono parecchi. Magari non come un paio di stagioni fa, quando fra proprietari, dirigenti e giocatori gli ex erano una decina. Ma quasi, perché anche stavolta, fra passato più o meno recente e radici famigliari, trovarsi di fronte le maglie amaranto avrà un peso non indifferente per sei: Bianchimano, Fischnaller, Maita, Statella, Figliomeni e Logiudice.

Bianchimano è l’ex più fresco. A Reggio è stato negli ultimi due anni: 54 presenze, 13 reti, gol pesanti come quello che ha deciso, in favore della Reggina, lo scontro diretto dell’anno scorso al “Ceravolo”. Ha fatto così bene sullo Stretto che s’è guadagnato la B e il Perugia. Ora la caccia al rilancio (in prestito) con il Catanzaro e un inizio col botto: tre partite, tre centri.
Come per Bianchimano, Reggio è stata la prima esperienza lontano da casa anche per Fischnaller: fra 2012 e 2014, in B, l’altoatesino è sceso in campo 61 volte segnando sette gol. Una salvezza all’ultima giornata e una retrocessione amara, ma la gavetta necessaria e in generale un buon ricordo personale di quell’avventura.

Un ulteriore intreccio arricchisce il motivo giallorosso di Fischnaller, che è arrivato a Catanzaro in estate dopo il rifiuto di Doumbia. Al “Ceravolo” stanno ancora benedicendo quel no, mentre il franco-maliano ha da poco ricominciato a giocare, proprio a Reggio, dopo una prima parte di stagione da fuori lista a Lecce. Dovessero trovarsi uno di fronte all’altro sarà come nel film “Sliding doors”: l’emblema di ciò che poteva essere e non è stato. E probabilmente è meglio per tutti che sia andata in questo modo.

A differenza degli altri due, Maita al “Granillo” è cresciuto diventando calciatore. Tutta la trafila nel settore giovanile, un’apparizione in B, poi il primo approccio a Catanzaro, appena diciassettenne, portato al “Ceravolo” da una bandiera amaranto come Ciccio Cozza.
Quindi altro breve giro d’Italia, al nord, prima di tentare la carta dell’ultima parentesi Foti: quella più sfortunata, anche per il play messinese, che finisce fuori rosa dopo uno scontro a muso duro col presidente e suo cognato. Il trampolino successivo glielo garantisce di nuovo il Catanzaro: dal 2015 più di 100 partite, cinque gol e quest’anno, con Auteri, maturità e continuità finora mai avute. A Reggio, poi, sono nati Figliomeni, il ds Logiudice e Statella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook