Venerdì, 15 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Foto Archivio Piazza Matteotti, inaugurata la fontana monumentale

Piazza Matteotti, inaugurata
la fontana monumentale

E' stata inaugurata oggi pomeriggio, alle 18, la fontana monumentale di Piazza Matteotti con un ricco programma, tutto a costo zero per l'amministrazione comunale. L’apertura è stata affidata al prof. Franco Zagari che ha scritto le parole “Jonio” e “Sila” sulle stele di piazzetta del Cavatore; subito dopo la performance della scuola di danza “Let Me Dance” di Elena Santise e la scopertura della fontana da parte delle allieve della scuola di danza sulle note di “Viva La Vida” di David Garrett. Non appena scoperta l’opera, il sindaco Abramo e il prof. Zagari hanno dato il via allo zampillamento. A seguire, spazio alla musica con le esibizioni del soprano Giovanna Massara, del gruppo Everest Dixieland Jazz e della cantante Laura Screnci. L'opera era stata illustrata nel corso di una conferenza stampa che si era tenuta questa mattina.
"Spero che la nuova opera - ha detto il sindaco Sergio Abramo - sia di gradimento dei cittadini. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato alla riqualificazione della principale piazza della città. Massimo è il nostro impegno nel tentativo di rilanciare il centro storico, lo dimostrano i progetti che riguardano le Gallerie del San Giovanni, gli interventi quasi terminati dell'ex Stac, l'apertura del museo del Rock. E su questa scia proseguirà il nostro attento lavoro". La parola è andata poi all'archietto Franco Zagari che ha spiegato i dettaglia: “Agli estremi della nuova piazza – ha spiegato Zagari - il progetto si annuncia subito con due coppie di stele che raccontano della città: “Sanguinis effusione” è il motto di Catanzaro che ricorda il tributo coraggioso della città per Carlo V, mentre “Jonio” e “Sila” testimoniano le due anime del paesaggio, l’immagine forte di questa città aerea sospesa fra il mare e la montagna. Sono sculture di metallo bianche ognuna pensata come una figura maschile e femminile. Questa è solo una delle storie, molte in verità, che Piazza Matteotti racconta a chi vuole attraversarla, sostarvi, ascoltarla, viverla. Si succedono gli spazi di una grande area pedonale, molto diversi fra loro, così che sembrano essere metafora della folla, che è diversa e unita allo stesso tempo, che qui è densa e qui è distesa, articolata in attività, flussi e comportamenti legati alla convivialità, un luogo in tensione fra momenti emozionali e pause di intimità. Una Fontana di vetro sostituisce la Scaletta ripetendone l’impronta triangolare e cercando di rinnovarne in modo più dolce lo stesso ruolo carismatico, ma questa volta con un’attitudine più distesa e serena, uno spazio d’acqua che ha una forte attrattiva come momento d’intimità e d’incontro in luogo di un monumento che offriva una platea e un punto di osservazione dall’alto".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook