Martedì, 11 Dicembre 2018

Processo alla cosca "Cerra Torcasio Gualtieri" di Lamezia: 30 condanne e 9 assoluzioni: nomi e foto

di

Trenta condanne e 9 assoluzioni. Si è concluso così il processo "Dioniso" contro la cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri di Lamezia Terme, che vede imputate 39 persone accusate di gestire lo spaccio in città. La sentenza, emessa dal Tribunale di Catanzaro, prevede pene che vanno da 4 a 16 anni di carcere.

Sono stati condannati a 16 anni di reclusione Luca Torcasio e Danilo Torcasio; a 14 anni e 6 mesi Nicola Gualtieri; a 14 anni e 4 mesi Giuseppe Gullo; a 14 anni Nino Cerra, Pasquale Torcasio (classe ’69), Vincenzo Torcasio, Pasquale Torcasio (classe ’80), Pasquale Carnovale, Antonio Gualtieri, Cesare Gualtieri (classe ‘69); a 10 anni e 4 mesi Sebastiano Strangio; a 10 anni Fiorino Salvatore e Giuseppe Dattilo; a 8 anni e 6 mesi Teresa Estino; a 8 anni e 5 mesi Concetto Pasquale Franceschi; a 8 anni e 2 mesi Antonio Torcasio e Antonio Franceschi; a 8 anni Gaetano Larosa, Silvia Mascaro, Stefano Frangione, Antonio Salatino e Pasquale Salatino e Aurelio Scalise.

E ancora. Sono stati condannati a 7 anni e 6 mesi Francesco Tropea e Ivan Matti Altadonna; a 7 anni e 4 mesi Luciano Torcasio; a 4 anni e 40mila euro di multa Cesare Gualtieri (classe '78) e Danilo Fiumara; a 4 anni Antonio Grande. Assolti da ogni accusa: Lorenzo Cosentino, Vincenzo Ammendola, Eljon Hoxhaj, Carmela Profeta, Antonio De Fazio, Angela Patruno, Maurizio De Fazio, Pasquale Tedesco, Giovanni Pujia. Tutti sono accusati a vario titolo di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti con l’aggravante delle modalità mafiose.

La cosca, secondo l'accusa, aveva contatti con le famiglie della cosca jonica reggina per rifornirsi di cocaina, in particolare con gli Strangio, mentre per la marijuana i rifornimenti e i contatti erano in Puglia e in Albania.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X