Martedì, 20 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo

Educare alla legalità, a Vibo i carabinieri incontrano gli alunni della scuola Don Bosco

Una "due giorni" su legalità e bullismo che, al contempo, è stata anche l'inaugurazione del salone di rappresentanza della scuola elementare Don Bosco di Vibo. Il locale, infatti, è stato recentemente ristrutturato grazie all'impegno del corpo docenti sotto l'energica leadership della preside Mimma Cacciatore. I primi a utilizzare la sala dopo lunghi anni di inattività sono stati i carabinieri di Vibo Valentia.

Nel corso delle due giornate sono stati trattati due temi di scottante attualità, ma mentre il primo riguarda tutti senza esclusione di sorta, il secondo spesso tocca più direttamente i giovani. È per questo che l’Arma dei carabinieri, all’interno degli incontri che periodicamente vengono organizzati nelle scuole di tutta Italia, dedica una speciale attenzione non solo a spiegare il concetto di legalità e la sua importanza, ma si sofferma in particolare sul preoccupante fenomeno del bullismo.

Ad approfondire gli aspetti psicologici del problema è stata la dottoressa Sara Nocera, coinvolta da un protocollo d'intesa siglato con il comando generale dell'Arma dei carabinieri. L'entusiastica partecipazione dei bambini è aumentata con l'arrivo delle unità cinofile dello squadrone eliportato cacciatori carabinieri Calabria che ha intrattenuto gli alunni con dimostrazioni e giochi.

Al termine delle attività sono stati distribuiti degli attestati di “amico speciale dei carabinieri” allo scopo di lasciare un ricordo dell’esperienza ai numerosi bambini. Numerosissime le domande formulate dai giovani partecipanti che hanno reso il dibattito particolarmente frizzante con non pochi spunti di riflessione sia per gli insegnanti che per i carabinieri partecipanti.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook