Lunedì, 17 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo

Limbadi, l'ascesa del clan Mancuso dagli anni '70 a oggi: nomi e volti dei protagonisti - Foto

È negli anni '70, con il porto di Gioia Tauro, che inizia la vera ascesa del clan Mancuso di Limbadi, oggi protagonista per via dell'arresto a Roma del boss Pantaleone.

Un salto di qualità che, di fatto, ha allargato il raggio degli affari e degli interessi della cosca oggi egemone nel Vibonese, con ramificazioni in Italia e all'estero.

Una ascesa che inizia con Francesco Mancuso (classe '29), don Ciccio, negli anni '80 addirittura eletto con un plebiscito popolare consigliere comunale a Limbadi, tanto da indurre l'allora capo dello Stato Sandro Pertini a sciogliere - e fu il primo in Italia - il consiglio comunale.

Il vecchio capobastone apparteneva alla cosiddetta "Generazione degli 11" di cui oggi fanno ancora parte i fratelli Antonio (classe 1938), Giovanni (nato nel 1941), Cosmo Michele (1949) e Luigi del '54, ritenuto attuale capo della famiglia di 'ndrangheta di Limbadi.

Pantaleone Mancuso (detto l'Ingegnere), il boss catturato oggi in una sala Bingo a Roma, è nipote della schiera di boss.

Figlio di Domenico (classe 1927), è fratello di altri elementi di spicco della potente 'ndrina, vale a dire di Giuseppe (Peppe) del '49; Diego (alias Mazzola) del '53 e Francesco (detto Ciccio Tabacco) del '57, nonché di Rosaria (nata nel 1955) arrestata in quanto ritenuta la mandante dell'autobomba del 9 aprile 2018 a Limbadi costata la vita al biologo Matteo Vinci.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook