Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Riaperta a Catanzaro la storica sede provinciale dell'Inps - Foto

di

«L'Inps, pilastro del welfare, è una robusta catena i cui anelli, cioè i dipendenti, hanno dimostrato di reggere all’impatto dei 105mila redditi di cittadinanza e delle cinquemila pensioni quota cento definite nei mesi scorsi in Calabria, riducendo nel contempo i tempi di accertamento delle invalidità civili e addirittura comunicando l’esito della pratica il giorno stesso della visita». Così il direttore regionale dell’Inps, Diego De Felice, all’attesa cerimonia di  riapertura della storica sede provinciale di via Crispi, a Catanzaro, completamente ristrutturata e inaugurata dal manager in un bagno di folla.

Una partecipazione che ha favorevolmente impressionato il direttore generale dell'Istituto, Gabriella Di Michele, venuta da Roma per attestare la volontà dell’Ente di «ridare dignità e centralità ai dipendenti». Di Michele ha tagliato il tradizionale nastro insieme a De Felice e all’efficiente direttore provinciale Elisa Spagnolo, «scelta da me per il capoluogo di Regione», ha ricordato la dirigente nazionale, che ha pure menzionato la recente «assunzione di tanti giovani destinati a rinverdire il ruolo dell’Inps». Tra questi, specifica De Felice, «48 sono stati assunti in Calabria,  di cui 12 a Catanzaro».

Affiancato dal suo predecessore ingegner Giuseppe Greco, oggi direttore regionale in Campania, De Felice ne ha ricordato il ruolo nell’avviare i lavori di restyling, che sono durati tre anni e costati circa un milione e mezzo. Cruciale e motivante l’elogio ai dipendenti di De Felice («abnegazione, disponibilità, spirito di sacrificio»), e del direttore provinciale Elisa Spagnolo.

«Da lunedì - ha annunciato la dirigente - partirà nella sede rinnovata il front office con accesso su prenotazione, per evitare l’entrata indiscriminata di soggetti estranei». Al di là della funzione istituzionale, la riapertura della storica sede di via Crispi segna anche un’inversione di tendenza rispetto allo svuotamento del centro storico. Un aspetto a cui è particolarmente sensibile il sindaco Sergio Abramo, che ha annunciato la creazione di un’ampia zona parcheggi in prossimità degli uffici, al posto della vicina area dove stazionano i pullman.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook