Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Maestre sospese per maltrattamenti, a Crotone una fiaccolata a loro sostegno - Foto

di

«Tornate presto. Vi aspettiamo». E poi: «I nostri figli rivogliono le loro maestre».

Sono alcune frasi che ieri sera campeggiavano sui cartelloni che i residenti di Papanice, popoloso quartiere di Crotone, hanno esposto in occasione della fiaccolata organizzata a sostegno delle tre maestre dell'istituto comprensivo che da ieri sono state sospese per due mesi dal servizio perché accusate di maltrattamenti aggravati nei confronti di minori.

La misura restrittiva è stata emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Crotone su richiesta dell'ufficio di Procura. Una decisione che nel giro di poche ore ha indotto circa duecento persone - tra genitori di alunni della scuola elementare, colleghi delle docenti e gente comune - a scendere in piazza per rivendicare l'innocenza delle tre insegnanti.

Il silenzioso corteo, dopo aver attraversato diverse vie del quartiere, è terminato davanti all'istituto nel quale insegnano le tre docenti finite al centro dell'inchiesta.

L’attività investigativa - condotta dai carabinieri della Stazione di Crotone - è iniziata ad aprile in seguito alle dichiarazioni che i genitori di alcuni bambini che frequentano il plesso scolastico del popoloso quartiere cittadino avevano fatto in merito ai presunti maltrattamenti che i loro figli avrebbero subito da determinate maestre.

Le indagini – termine alla fine dello scorso anno scolastico - sono state eseguite attraverso un'operazione di intercettazione audio e video all'interno dell'aula nella quale le tre docenti operavano. In questa maniera è stato possibile accertare molteplici circostanze nelle quali si sarebbero verificati i maltrattamenti nei confronti di ragazzi e ragazze di età compresa tra i 6 e 7 anni.

Foto di Tonino D'Urso

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook