Mercoledì, 23 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Catanzaro, cumuli di rifiuti e fogna a cielo aperto in Viale Isonzo 222

Catanzaro, cumuli di rifiuti e fogna a cielo aperto in Viale Isonzo 222

di

Il civico dei rifiuti. Sembra quasi di stare in una discarica in viale Isonzo, 222, a Catanzaro. E il civico, vista l'estensione della strada, è molto importante perché raggruppa una serie di condomini  di edilizia popolare dove risiedono ormai da anni persone di etnia rom, ormai stanziali da decenni. Purtroppo però l'inciviltà la fa da padrona. E nessuno, ormai, vuole intervenire. Le speranze di bonificare definitivamente la zona sono ridotte al lumicino. Cosa succede è preso detto: i soliti incivili, invece di effettuare la raccolta differenziata attiva ormai da anni su tutto il territorio comunale, hanno optato per il "fai da te" trasformando un'intera area in una discarica a cielo aperto dove gettano l'immondizia. Cumuli di rifiuti che si accatastano giorno dopo giorno senza soluzione di continuità. E le autorità? Sono intervenute più volte ma se il problema è a monte, il fenomeno non si fermerà mai. Oramai non si contano più nel corso degli anni i servizi straordinari effettuati dall'azienda che si occupa della raccolta cittadina dei rifiuti per conto dell'amministrazione comunale, affiancati dagli agenti della polizia locale per motivi di sicurezza. In quell'occasione sono state raccolte tonnellate di rifiuti e bonificata l'intera area. A cosa è servito? A nulla. Il fenomeno si ripresenta in maniera ciclica. A questa situazione, già esplosiva di suo, ora si è aggiunto un problema fognario in quanto la condotta che dovrebbe smaltire i liquami prodotti dagli appartamenti si è in parte ostruita facendo uscire la melma per strada. Anche in questo caso il fenomeno è noto; gli interventi sono stati effettuati ma il problema si ripresenta puntualmente. A farne le spese, purtroppo, un gruppo di cittadini civili, che vogliono rispettare le regole ma che sono costretti a vivere nel fetore e nel degrado. A nulla sono valse le denunce effettuate sia alle forze dell'ordine sia alla Procura della Repubblica. I soliti incivili ritornano sempre in azione, anche perché, evidentemente, le abitudini sono dure a morire. A questo punto sarebbe auspicabile un nuovo intervento di pulizia e di sistemazione della condotta fognaria, visto anche che la stagione estiva sta per arrivare e si potrebbe andare incontro a problemi sanitari non indifferenti. Ma, assieme a questo tipo di intervento, bisognerebbe anche trovare il modo di disincentivare le cattive abitudini. Impresa titanica, sicuramente, ma da affrontare ad ogni costo.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook