Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Anziano ucciso a Trebisacce, arrestato il presunto autore

Anziano ucciso a Trebisacce, arrestato il presunto autore

di

Ucciso e bruciato. I carabinieri di Trebisacce hanno arrestato il presunto autore dell'omicidio di Rocco De Paola, l’anziano il cui cadavere era stato trovato avvolto dalle fiamme nella tarda serata del 4 dicembre dello scorso anno in una abitazione di via Zara, nel centro della cittadina ionica. L’uomo, dopo una vita trascorsa all’estero, in particolare in Francia - da cui il soprannome “ parigino ” con il quale era conosciuto nell’ambito della comunità cittadina- aveva deciso di tornare nella terra di origine dove conduceva una vita ritirata. L'inchiesta condotta dalla Procura di Castrovillari, diretta da Alessandro D'Alessio, ha consentito di stabilire che De Paola non era morto a causa di un incendio scoppiato per cause accidentali ma che era stato, al contrario, assassinato. E per il delitto, i magistrati inquirenti hanno chiesto e ottenuto l'arresto di Maurizio Vinci, 38 anni, di Trebisacce. Fondamentali, ai fini investigativi, sono risultate le analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza installati in un’attività commerciale attigua alla via Zara. Il presunto omicida è stato più volte ripreso mentre si recava nell’abitazione della vittima, per poi allontanarsi poco prima della mezzanotte quando le fiamme stavano cominciando a divorare il corpo ormai esanime del pensionato. Decisivi anche i risultati dell’esame autoptico, che consentivano di accertare la presenza di una ferita lacero-contusa sulla testa dell’anziano, ritenuta compatibile con l’utilizzo di un corpo contundente. Secondo la ricostruzione, l’omicida avrebbe dapprima colpito più volte alla testa il De Paola e, vedendolo esanime, avrebbe appiccato il fuoco utilizzando alcuni cartoni che si trovavano all’interno dell’abitazione. Maurizio Vinci si protesta innocente e tale dovrà essere considerato sino alla definizione della vicenda giudiziaria con sentenza passata in giudicato.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook