Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Caporalato: sequestro da 15mln tra Crotone e Cosenza, 15 arresti - NOMI

Caporalato: sequestro da 15mln tra Crotone e Cosenza, 15 arresti - NOMI

di

Moderni schiavi. Reclutati nella Sibaritide, sfruttati nei lavori agricoli, pagati quotidianamente con pochi spiccioli e usati in campagna come se fossero bestie da soma. La procura di Castrovillari, diretta da Alessandro D'Alessio, squarcia il velo sulle tristi condizioni di vita di decine di stranieri vittime dei "caporali" e di imprenditori senza scrupoli. Quindici le persone arrestate (sei in carcere e nove ai domiciliari) per effetto di una ordinanza emessa dal GIP di Castrovillari. Una sedicesima persona è solo indagata. In azione i carabinieri del colonnello Agatino Spoto. Impegnati i militari del gruppo territoriale di Corigliano Rossano e del Nucleo di tutela del lavoro coordinati dal tenente al colonnello Raffaele Giovinazzo. Sequestrate 6 aziende agricole e mezzi per un valore di 15 milioni di euro.

Nomi degli arrestati in carcere

Pino Pugliese, di Crosia
Aurina Corina Olteanu, di Crosia
Pasquale Pometti, di Crosia
Luigi Romano, di Crosia
Slavcho Ivanov Metodiev
Alfonso Francesco Scarcella, di Corigliano-Rossano

Ai domiciliari

Pasqualino Giuseppe Piscitelli, di Crosia
Giovanni Nardiello, di Policoro (Matera)
Saverio Grillo, di Celico
Salvatore Cipparrone, di Spezzano della Sila
Pasquale Vulcano, di Crosia
Antonio Dottore, di Cirò Marina (Crotone)
Giuseppe Laratta, di Crotone
Gennaro Buffone, di Corigliano-Rossano
Gaetano De Tursi, di Strongoli (Crotone)

Indagato

Luigi Grillo, di Corigliano-Rossano

Un sistema strutturato

L'attività investigativa ha consentito di ricostruire, a livello di gravità indiziaria ed in attesa dei successivi sviluppi, attesa l'attuale fase di svolgimento delle indagini preliminari, la condotta posta in essere dagli odierni indagati in un periodo che va dalla seconda metà dell’anno 2018 fino al 2021, nonché di raccogliere, sul piano probatorio, le denunce dei lavoratori, vittime innocenti di un sistema ben organizzato e strutturato.

Anche minacce di morte alle vittime

L'indagine, sviluppata attraverso attività di tipo tradizionale anche di natura tecnica e correlati servizi di osservazione dinamica, le cui risultanze sono state corroborate dalle dichiarazioni rese dalle vittime successivamente escusse, ha cristallizzato la diffusione, in questo territorio, del fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori, mediante l’attività di reclutamento dei c.d. caporali, permettendo di:

- accertare il reiterato ricorso a minacce, anche di morte e ad atti di violenza da parte degli indagati per costringere le vittime identificate ad accettare la corresponsione di retribuzioni difformi alla contrattazione nazionale e territoriale (dai 15 ai 30 euro al giorno a fronte di oltre 12 ore di lavoro nei campi), prospettando loro che in caso diverso sarebbero stati licenziati;

- provare le responsabilità penali degli arrestati in ordine alle ripetute violazioni della normativa a tutela dei lavoratori in materia di igiene e sicurezza sui posti di lavoro (in guanto non sono stati mai sottoposti a visita medica neanche in caso di infortunio), orario di lavoro e riposi (che duravano tra i 10 e i 30 minuti). Addirittura, in un caso un è stata negata assistenza ad un lavoratore che si era stirato una gamba dopo aver caricato oltre 630 cassette di pomodoro;

- documentare come i caporali esigevano la restituzione di parte dello stipendio dai lavoratori e soprattutto come istruivano gli stessi lavoratori nel caso di un eventuale controllo di polizia. Nel corso delle investigazioni si è toccata dal vivo la drammaticità della piaga dell'intermediazione nel lavoro, al fine di sfruttare la manodopera di lavoratori di varie nazionalità (gambiana, nigeriana, rumena), costretti, per necessità e per bisogno, a subire condizioni di lavoro estenuanti, retribuito con paghe assai misere, sulle quali si approfittavano i “caporali”.

Sequestrate quote d'azienda a Cosenza, Crotone e Matera

I sequestri preventivi hanno riguardato beni e quote aziendali di 10 imprese operanti nel settore agricolo (4 persone giuridiche e 6 imprese individuali), di cui 4 ubicate in provincia di Cosenza, 5 in provincia di Crotone ed 1 in provincia di Matera nonché il sequestro di 5 veicoli ritenuti in sede di accusa, utilizzati da parte dei caporali per il trasporto dei lavoratori in nero, per un valore complessivo stimato di circa 15 milioni di euro.

L'inchiesta

L'inchiesta è scaturita da una complessa attività d'indagine avviata dalla Stazione Carabinieri di Mirto Crosia (CS), condotta in in stretta sinergia con i militari del Comando Carabinieri Tutela del Lavoro di Cosenza, ed ha permesso di disvelare il fenomeno dell'impiego di lavoratori in condizioni illecite da parte di diverse aziende dislocate tra la Regione Calabria (province di Cosenza e Crotone) e Basilicata (provincia di Matera).

Gli arrestati, dopo gli accertamenti di rito, sono stati portati nella Casa Circondariale di Castrovillari o posti, al regime degli arresti domiciliari, nelle rispettive abitazioni.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook